• Google+
  • Commenta
15 novembre 2005

Riparte lo sportello Infomigranti e il corso di italiano alla Cgil di Pozzuoli

Vengono dall’Ucraina, dalla Russia, dalla Moldavia e da tanti altri paesi dell’Est Europa. Ma anche dall’Africa del Nord e dall’America Latina. Sono iVengono dall’Ucraina, dalla Russia, dalla Moldavia e da tanti altri paesi dell’Est Europa. Ma anche dall’Africa del Nord e dall’America Latina. Sono i nuovi cittadini di Pozzuoli e degli altri comuni dell’area flegrea.

Per il secondo anno consecutivo grande affluenza per i corsi organizzati dalla Cgil di Pozzuoli in convenzione con l’associazione Ashiwa – Arci per Infomigranti, uno sportello di informazione ed orientamento con particolare attenzione ai lavoratori immigrati che più di altri subiscono condizioni di particolare debolezza sociale, culturale e di conseguenza contrattuale in un modello di welfare che tende ad escludere e a non integrare.

Il grande successo ottenuto nello scorso anno, e la partecipazione di numerosi cittadini stranieri alle attività, sono stati i presupposti per ripetere l’esperienza sia a Pozzuoli che nella sede di Quarto dello Spi – Cgil.
L’attività prevede anche la distribuzione di materiale informativo e la collaborazione in rete con gli altri soggetti, laici e religiosi, che operano nel settore.

“Per Infomigranti – dice Ciro Biondi, referente per la Cgil del progetto – non è previsto nessun tipo di finanziamento dal sindacato, dalle associazioni e tanto mento di enti pubblici. Una prova indiscutibile di come è possibile fare volontariato facendo leva solo sulla passione di tanti, ma anche sulla volontà di essere uniti nel rivendicare i diritti di tutti. Come sindacato bisogna agire con la consapevolezza che ogni diritto negato mette a repentaglio l’intera struttura sociale; e in un processo di attacco ai diritti di cittadinanza e del lavoro da parte del Governo Berlusconi, gli immigrati subiscono ancora di più anche a causa della legge Bossi Fini che deve essere assolutamente abrogata”.

“Un anno fa – dichiara Dario Morisco, presidente dell’associazione Ashiwa Arci – Infomigranti poteva sembrare il desiderio velleitario di pochi, si è rivelato una straordinaria realtà d’integrazione per tutto il territorio flegreo. A conferma di ciò è la crescente partecipazione attiva dei lavoratori stranieri alle nostre attività. Quest’anno ci siamo prefissi un’ulteriore salto di qualità. Il 2006 dovrà rappresentare l’anno della svolta per il nostro sportello cosicché, alle attività portate avanti finora, affiancheremo una serie d’incontri sui paesi di provenienza degli immigrati presenti sul nostro territorio. La Cgil sarà ancora il nostro partner privilegiato in considerazione della fruttuosa collaborazione dello scorso anno, ma soprattutto in vista di una maggior caratterizzazione in senso sindacale delle nostre attività”.

“La ripresa dell’attività dello sportello Infomigranti, – dichiara Antonio Percuoco, segretario territoriale della Cgil – Zona Pozzuoli – dopo la pausa estiva, ha gia fatto registrare un primo significativo segnale, di rinnovato interesse, da parte di quelli che consideriamo, giustamente, i nuovi cittadini della zona Flegrea. La novità che sta caratterizzando questo secondo anno dei corsi di lingua italiana e di attività dello sportello, è rappresentato dalla presenza di persone, non sono solo provenienti dall’est europeo come lo scorso anno, ma anche dall’Africa settentrionale e dall’America Latina e che stanno impegnando, sia la sede della Cgil – Pozzuoli che quella dello Spi di Quarto. Certo, questi risultati non erano scontati quando, come Cgil, sottoscrivemmo la convenzione con l’Associazione Ashiwa, ma la voglia di essere sempre al fianco dei più deboli, in una fase di messa in discussione dei diritti da parte del Governo Berlusconi e la grande abnegazione, senza alcun finanziamento, dei tanti giovani volontari che frequentano la nostra sede di Pozzuoli, è stato possibile raggiungere tale successo. A tutti loro va il mio personale ringraziamento e della Cgil tutta”.

Per informazioni infomigranti@email.it oppure:

• INFOmigranti a Pozzuoli (393.5861941) presso la Cgil Zona – Pozzuoli in piazza della Repubblica ogni giovedì dalle 17,00 alle 20,00;
• Arci Ashiwa c/o Spi Cgil a Quarto (329.0633503 – 340.5537350) presso lo Spi – Cgil di Quarto In via J. De Ribera nr 8 ogni giovedì dalle 20,00.

Google+
© Riproduzione Riservata