• Google+
  • Commenta
14 novembre 2005

Università di Ferrara: Giornata “Università e Cooperazione allo Sviluppo”

Anche quest’anno la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri promuove l’iniziativa delle “Giornate per lAnche quest’anno la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri promuove l’iniziativa delle “Giornate per la Cooperazione Italiana”, una serie di incontri che si terranno in varie città italiane da Ottobre a Dicembre.
Le giornate sono pensate per proporre a vari livelli una riflessione sulla cooperazione italiana e promuovere la cultura della cooperazione.
La giornata ferrarese vuole essere un primo momento di lancio dell’Ateneo nel contesto della cooperazione ed è indirizzata sia a tutte le componenti dell’Università, sia alla città, intesa come cittadinanza, istituzioni e associazioni locali.
Gli obiettivi sono quelli di presentare le iniziative in atto in Ateneo nel campo della cooperazione, di proporre una riflessione sul significato e sul metodo della cooperazione allo sviluppo e di proporre l’Università come attore della cooperazione.
La giornata sarà inoltre il momento di lancio del Centro di Ateneo di Ricerca e Servizi per la Cooperazione allo Sviluppo. Il Tavolo di Coordinamento conta infatti di avere pronto per quella data lo Statuto del Centro e presentarsi così ufficialmente.
Programma
L’organizzazione della giornata prevede due filoni: quello degli incontri e delle tavole rotonde e quello della presentazione tramite stand, in una sorta di salone della cooperazione alla maniera del salone dello studente.
Salone della Cooperazione
L’iniziativa intende proporre in modo efficace il panorama dell’impegno attuale dell’Università nel campo della cooperazione, sia in termini di iniziative personali di singoli docenti, sia di collaborazione con associazioni e istituzioni, sia di iniziative ufficiali dell’Università. Per questo ogni facoltà avrà uno stand, che i referenti di facoltà per la cooperazione si sono presi l’incarico di organizzare.
Inoltre, per collocare l’Università nel territorio e nel contesto in cui opera, sono previsti altri stand dedicati alle associazioni, ONG ed Enti locali interessate alla cooperazione.
In particolare, gli stand sono:
– 1 per ogni facoltà
– 1 per Provincia di Ferrara
– 1 per Comune di Ferrara
– 1 per l’associazione Ferrara Terzo Mondo
– 1 per l’associazione Acqua per la Vita
– 1 per l’associazione AltraQualità
– 1 per l’ong VIS
– 1 per l’associazione ADID
– 1 per Amnesty International
– 1 per Banca Etica
– 1 per l’UNIDO e l’ICS di Trieste
Per un totale di 18 stand.
All’interno degli stand ciascuna facoltà o organizzazione provvederà ad allestire il materiale che riterrà opportuno per la presentazione delle proprie iniziative e a procurare il personale in modo da coprire tutto l’arco della giornata, dalle 9.00 alle 18.00.
Conferenze
Parallelamente al Salone della Cooperazione, sono previste due sessioni di lavoro, una alla mattina e una al pomeriggio, per una riflessione comune. La mattina sarà dedicata a rispondere alle domande “che cos’è la cooperazione?” e “va ripensata la cooperazione italiana?”.
In questo senso prevista un’introduzione dove interverranno Jean Leonard Touadi, giornalista RAI e collaboratore del mensile Nigirizia originario del Congo, e un rappresentante del Centro Studi Politica Internazionale che presenterà alcuni dati sulla situazione della cooperazione internazionale in cinque stati europei, fra cui l’Italia. Seguirà una tavola rotonda dal tema E’ tempo di rifondare la Cooperazione allo Sviluppo dell’Italia?, con l’obiettivo di affrontare criticamente la questione della cooperazione italiana e proporre nuove prospettive. In questa tavola rotonda si ritiene opportuno l’intervento del Rettore, in quanto promotore dell’iniziativa dell’Università di Ferrara sulla cooperazione e portatore quindi dell’istanza dell’Università.
Il pomeriggio si concentrerà invece su quali sono gli attori della cooperazione, con particolare attenzione al ruolo specifico dell’Università nella cooperazione decentrata.
L’introduzione sarà affidata a due docenti del nostro Ateneo da tempo impegnati nell’ambito della cooperazione, mentre la tavola rotonda che seguirà vedrà in dialogo i principali interlocutori della cooperazione decentrata a Ferrara, con la presentazione dello Statuto dell’istituendo Centro di Ateneo e delle strategie operative.
La sede prescelta è il Polo Biologico: nel corridoio principale saranno collocati gli stand, mentre in un aula (E2) si terranno le conferenze.
Per favorire una reale partecipazione di tutte le componenti dell’Università, ed in particolare degli studenti, che nell’esperienza dei componenti del Tavolo per la Cooperazione mostrano un particolare interesse per le tematiche della cooperazione, si richiede la sospensione delle attività didattiche di tutte le facoltà per l’intera giornata.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy