• Google+
  • Commenta
10 novembre 2005

Università di Trento: Povertà, lavoro e politiche per l’inclusione sociale

Il secondo convegno nazionale della Commissione di Indagine sulla Esclusione Sociale (CIES) “Povertà, lavoro e politiche per l’inclusione sociale”,
Il secondo convegno nazionale della Commissione di Indagine sulla Esclusione Sociale (CIES) “Povertà, lavoro e politiche per l’inclusione sociale”, promosso dal Dipartimento di Economia dell’Università di Trento con il coordinamento scientifico di Gianfranco Cerea, docente di Economia pubblica, e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si terrà nelle giornate di venerdì 11 e sabato 12 novembre, con inizio alle 11, presso la sala conferenze della Facoltà di Economia.
Alla presenza del rettore dell’Università degli Studi di Trento Davide Bassi, del Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Grazia Sestini e del presidente del CIES Giancarlo Rovati, verranno resi noti i risultati definitivi sul Rapporto annuale redatto dalla Commissione di Indagine sulla Esclusione Sociale, che sarà consegnato prossimamente in Parlamento. L’analisi comparata della povertà relativa in Italia sarà il nodo tematico centrale attorno al quale si svilupperà il dibattito che animerà le due giornate di studi. Al tavolo dei relatori si alterneranno più di quaranta insigni studiosi ed esperti in materia: docenti universitari di dinamiche sociali e del lavoro, dirigenti e ricercatori dell’ufficio Istat del CIES, del Servizio Studi della Banca d’Italia e della Fondazione Banco Alimentare onlus.
Nel convegno saranno presentati i dati sulla povertà in Italia, i fattori economici e politici di rischio e le politiche sociali introdotte dallo Stato per fronteggiarlo, alla luce dei recenti risultati sull’andamento della povertà relativa a livello nazionale e regionale. Essi indicano che negli ultimi anni gli occupati corrono un rischio di povertà inferiore alla media (nel 2004 il 7,5-9,3% delle famiglie con un componente occupato è sotto alla soglia di povertà, a fronte dell’11,6% sul totale delle famiglie) e che la probabilità di percepire un basso salario decresce al crescere del livello di istruzione: i laureati hanno una probabilità tre volte inferiore (7%) rispetto a chi ha solo l’obbligo scolastico (21%).
Inoltre il Rapporto annuale pone in evidenza che i bassi salari sono più diffusi laddove sono deboli le istituzioni del mercato del lavoro dirette a tutelare i lavoratori (sindacati, contrattazione collettiva, rete di protezione sociale) e che tra il 2000 e il 2002 è quasi triplicata l’incidenza dei bassi salari nelle famiglie mononucleari e in quelle numerose (5 o più componenti). La Commissione di Indagine sulla Esclusione Sociale vede quindi nelle politiche dei servizi alla persona una possibile soluzione per combattere le diverse forme di povertà presenti in Italia: la loro azione deve essere gestita al fine di sviluppare reti di aiuto, capaci di integrare le risorse delle istituzioni pubbliche e del terzo settore con adeguati strumenti di informazione, in modo da raggiungere anche i più svantaggiati che spesso hanno maggiori difficoltà di accesso a tali servizi e necessitano di sostegno e pronto intervento. In tale direzione l’Unione Europea ha varato un piano di aggiornamento del programma ECHP (European Community Household Panel) con EU-SILC (Survey on Income and Living Conditions), un nuovo progetto che consentirà di avviare nuove indagini comparative per l’Europa allargata.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy