• Google+
  • Commenta
5 dicembre 2005

Basket: la Carpisa Napoli fa suo il derby contro l’Air Avellino

Nell’anticipo dell’undicesima giornata del campionato di Serie A, la Carpisa Napoli “asfalta” l’Air Avellino e vola, momentaneamente, in testa alla clNell’anticipo dell’undicesima giornata del campionato di Serie A, la Carpisa Napoli “asfalta” l’Air Avellino e vola, momentaneamente, in testa alla classifica. Con un sontuoso 92-61 – frutto di un’ impeccabile prestazione corale – LynnGreer e compagni continuano la loro striscia positiva, inanellando la quarta vittoria consecutiva. Per l’Air Avellino , è invece la decima sconfitta di questa tribolata stagione.

Perfetta parità, nei primi minuti, con le squadre che non si scoprono e rimangono ancorate in difesa ( 7-7 a 7’ ). A rompere l’equilibrio, ci pensano due ingenuità in zona offensiva di Greer, che danno il la al vantaggio dell’Air ( 7-12 a 5’ ). La difesa napoletana traballa sotto la spinta di Brown e coach Bucchi strilla a dovere i suoi uomini. Non si accenna ad arrestarsi, la foga degli uomini di coach Capobianco e cosi l’Air arriva ad un inaspettato +10 di vantaggio ( 9-19 a 2’ ). Napoli si riprende prontamente dallo shock subito, rialza la testa e piazza un parziale di 9-0 che chiude la frazione ( 18-19 ).
Nel secondo mini tempo, l’ottima Avellino d’inizio partita, non esiste già più. La Carpisa aziona il rullo compressore e nessuno più la può fermare. Gli ottimi Young e Brown d’inizio gara vengono annientati, nell’uno contro uno, da Rocca e Sesay. Canestro dopo canestro, Napoli arriva fino al +16 di vantaggio ( 47-31 a 1’ ). La difesa è impenetrabile, mentre l’attacco si affida all’estro di Morandais e Larranaga per trivellare la retina avversaria. Greer, in ombra fino a questo momento, chiude la frazione con una tripla delle sue ( 47-31 ).

Non cè più storia: dopo aver raggiunto il +20 ( 55-35 a 8’ ) e poi il +24 ( 64-40 a 4’ ), la Carpisa amministra con facilità il proseguo della gara e per l’Air è già tempo di fare le valigie per tornarsene a casa. Da segnalare l’ottima prestazione del centro azzurro Alessandro Cittadini, in ripresa dopo le ultime deludenti uscite. Dopo che il terzo quarto si era chiuso sul 69-50, nell’ultima frazione avviene il capolavoro della serata: Mimmo Morena e compagni, piazzano un parziale di 16-0 che li fa volare sul +35 a 4’ dal termine ( 85-50 ). E’ festa grande sugli spalti, mentre in campo le squadre chiudono la loro partita sul 92-61.

Tabellini:
Carpisa Napoli – Air Avellino: 92 – 61 ( 18-19, 50-35, 69-50 )
Carpisa Napoli ( 20/35 t2 13/18 tl 13/30 t3)
Sesay 11 (5/9, 0/2), Morandais 14 (0/1, 4/9), Larranaga 12 (1/2, 3/5), Morena 2 (1/1, 0/1), M. Fevola ne, Spinelli 11 (2/2, 2/4), Cittadini 12 (4/6, 0/1), Stefansson 5 (1/2, 1/2), Rocca 11 (4/7), Greer 14 (2/4, 3/6), Dalipagic ne, D. Fevola (0/1). All. Bucchi
Air Avellino ( 19/39 t2 11/16 tl 4/21 t3)
Taylor 2 (1/3, 0/1), Ferrara 6 (2/3), Dumas 3 (0/2, 1/3), Young 13 (4/8, 1/7), Silvestri ne, Bonora 7 (1/1, 0/1), Dorkofikis 2 (1/3, 0/1), Touré (0/1, 0/1), Iannuzzi ne, Brown 17 (7/11, 1/4), Parlato ne, Mutombo 11 (3/7, 1/3). All. Capobianco
Arbitri: Dino Seghetti – Silvio Corrias – Pietro Crescenti
Rimbalzi: NA 43 (Morandais 10) AV 31 (Brown 10)
Assist: NA 13 (Spinelli e Greer 4 ) AV 4 (Young 2)
Note: Spettatori 4.000 circa.

Google+
© Riproduzione Riservata