• Google+
  • Commenta
15 dicembre 2005

Calcio: nuove regole per l’iscrizione ai campionati di Serie A e B

Dal prossimo anno, non sarà più necessario aspettare agosto inoltrato per sapere se la propria squadra del cuore è stato iscritta o no alla serie acquDal prossimo anno, non sarà più necessario aspettare agosto inoltrato per sapere se la propria squadra del cuore è stato iscritta o no alla serie acquisita sul campo. Con le nuove norme in materia di ammissione ai campionati e di ripescaggi – varate lo scorso 12 dicembre dal Consiglio federale della FIGC – quella appena trascorsa verrà archiviata come l’ultima “estate calda” del calcio italiano e i casi Napoli, Torino, Ascoli o Treviso, in futuro sono destinati a non ripetersi.
“Per quanto riguarda i ripescaggi – ha dichiarato il presidente Carraro – il Consiglio federale all’unanimità ha deciso di adottare i criteri che la serie C mette in pratica da sempre, tenendo conto del risultato sportivo, della storia della società e del pubblico che sostiene la squadra. Adesso prepareremo una normativa che non lasci spazio alla discrezionalità, ma con assoluta precisione e trasparenza. Non possiamo affidarci a decisioni politiche su una materia con risvolti sportivi ed economici di rilevanza”. Un punto di penalizzazione in classifica sarà inflitto a quelle società che non saranno in regola con le scadenze previste dalla Covisoc o dalla Lega di competenza. Sotto quest’ultimo punto di vista, Carraro stato perentorio: “Entro il 27 giugno i club devono aver saldato stipendi e contributi, altrimenti saranno puniti con un punto di penalizzazione. Chi invece non paga entro il termine ultimo del 12 luglio, sarà fuori dai campionati”. Napoli e Genoa possono dunque sperare. Se come tutti si auspicano, le due squadre di mare vinceranno i loro rispettivi gironi di Serie C, con gli 11 scudetti e il bacino d’utenza che si portano in dote, sono le più serie candidate ad un doppio salto di categoria.
Altre importanti decisioni, sono state prese a riguardo la candidatura italiana per gli Europei del 2012. E’ stato costituito un Comitato formato dal presidente Carraro, dai vice presidenti Abete e Mazzini; da Antonio Matarrese per i rapporti con la UEFA; da Gabriele Gravina per gli aspetti economico-organizzativi; da Ernesto Albanese per i rapporti con le Istituzioni sportive e dal segretario della FIGC Francesco Ghirelli in qualità di coordinatore. Inoltre, a partire da gennaio 2006, un’apposita commissione studierà gli stadi italiani, segnalando quelli che potranno essere riqualificati in base alle attuali norme UEFA e quelli che invece sono destinati al prepensionamento. Da ciò, si evincerà anche quelle che sono le aree da destinare alla realizzazione di nuovi impianti.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy