• Google+
  • Commenta
9 dicembre 2005

Pearl Jam’s new album

Fra pochi mesi o chissà forse poche settimane è prevista l’uscita del nuovo disco dei Pearl Jam, Ed Vedder (voce e chitarra), Stone Gossard (chitarra)Fra pochi mesi o chissà forse poche settimane è prevista l’uscita del nuovo disco dei Pearl Jam, Ed Vedder (voce e chitarra), Stone Gossard (chitarra), Mike McCready (chitarra), Jeff Ament (basso), Matt Cameron (batteria) probabile sarà l’assenza di Boom, l’ organista presente in Riot Act.
Ho scelto i Pearl Jam forse perché è una delle pochissime band sopravvissute all’ uragano “Grunge”, dopo una piccola parentesi di prove giornalistiche aprirò o almeno cercherò di organizzare un bel discorsino musicale, fatto di tanti articoli e spero tanti commenti sul Rock in particolare sulle band che hanno segnato il decennio scorso, gli anni ‘90.
Gli anni novanta hanno visto un’eruzione colossale nella musica rock, una esplosione di suoni, idee, concerti che possono definirsi gli eredi del sound di Woodstock, dei Led Zeppelin, Hendrix, The Who, Rolling Stone, Ramones, Talkin Heads, The Clash, dei grandi del blues del jazz e chi più ne ha più ne metta.
Poco più di un anno fa in una intervista Kelly Curtis (il manager dei Pearl Jam ) dichiarava: “Penso che abbiano intenzione di tornare in studio quest´inverno” che non aggiunge nulla di dettagliato in riguardo ad una possibile data di pubblicazione del disco.
A distanza di un anno numerose interviste ai membri della band si sono succedute sino a quella del 3 ottobre 2005, e dell’ultima del 15 novembre in cui escono fuori già i nomi delle canzoni, del disco e della sua probabile uscita (forse anche aprile 2006).
Questa è una possibile lista di canzoni che i Pearl Jam avrebbero già registrato, “Unemployable”, “Marker,” “Crapshoot” molto hardcore-punk, “Worldwide Suicide” scritta da Vedder, (molto punk con sonorità da Who, ha riferito McCready), “Cold Concession” lungo 15 minuti, “2X4”, poi ancora “Severed Hand” , e “Parachutes” una bella ballata scritta da Gossard e da Vedder, di Vedder è anche “Gone”.
Forse una foresta sulla cover del nuovo album della band di Seattle.
Eddie Vedder intervistato da una radio brasiliana “ora la band è impegnata in un grande tour in latino america” ha riferito che le parti vocali saranno terminate a gennaio, il sound del nuovo lavoro sarà molto aggressivo.
“E’ stato un disco difficile” spiega Eddie nell’intervista “Ma a volte la durezza e l’impegno sono stati ripagati da brani stupendi. E’ il miglior materiale che abbiamo mai composto, molto aggressivo, perché ancora una volta riflettiamo ciò che significa essere un americano in questi giorni”.
Ha affermato ancora, che come per il tour canadese non ci saranno anticipazioni dei brani durante i concerti in america latina.
L’album spiega, per il momento non ha ancora un titolo: “Inizialmente avevamo pensato di utilizzare la parola ‘un-owned’ (non comprabile, di proprietà di nessuno). Il cielo è ‘un-owned’, la luna è ‘un-owned’, noi siamo ‘un-owned’ e vogliamo rimanere ‘un-owned’. E il titolo era ‘Super un-owned’, ma suonava troppo come ‘Superunknown’ dei Soundgarden”. Ci staranno pensando su in questo momento.
Stone Gossard su Rolling Stone ha riferito che “Ognuno ha scritto e lavorato parecchio per questo album. C’ è la sensazione che abbiamo fatto qualcosa di speciale”.
Stone ha descritto il nuovo disco come “Pazzamente brillante”. “Dopo 15 anni passati insieme so bene quale grande feeling ci unisce e quanto posso ancora imparare dagli altri della band”. La band ha scritto per ora 25 canzoni.
McCready intervistato dalla radio The End di Seattle, descrive questo ottavo lavoro che i Pearl Jam stanno facendo sia molto aggressivo, dice che Ed sta combinando delle cose incredibili con la sua voce, cose che non aveva mai visto e sentito prima ad ora.
Della straordinaria band di Seattle avremo modo di parlarne più a fondo, intanto per chi volesse firmare una petizione per il loro ritorno in Europa e magari anche in Italia lo faccia pure, la petizione è cliccabile in Internet.
Buon Rock a tutti!!!

Google+
© Riproduzione Riservata