• Google+
  • Commenta
14 dicembre 2005

Presentazione del libro “Il Sopravvissuto”

“Il Sopravvissuto”. E’ il titolo del libro di Antonio Scurati che sarà presentato a Salerno venerdì, 16 dicembre 2005, alle ore 16,30, presso il Vitto“Il Sopravvissuto”. E’ il titolo del libro di Antonio Scurati che sarà presentato a Salerno venerdì, 16 dicembre 2005, alle ore 16,30, presso il Vittoria Art Restaurant in Via Roma.
Il libro, pubblicato per i tipi della Bompiani, narra della tragedia di cui è protagonista Vitaliano Caccia, giovane ventenne, bello e dannato, dotato di un fascino terribile e inesorabile, che si presenta in ritardo, e munito di pistola, davanti alla commissione degli esami di maturità che ha già deciso, con ingiusta severità e per poco limpidi secondi fini, di respingerlo. Senza dire una parola, a sangue freddo, il ragazzo compie una strage, lasciando, unico sopravvissuto, il suo insegnante di storia e filosofia, Andrea Marescalchi, a interrogarsi su un gesto di cui si sente non soltanto vittima ma forse, in qualche modo, occulto e involontario ispiratore.
Alla presentazione, dopo i saluti dell’assessore provinciale alla Cultura, Gaetano Arenare, e l’intervento introduttivo di Rosa Giulio, interverranno, con proprie relazioni, Diego De Silva, scrittore, ed Emilia Surmonte e Paolo Apolito, docenti dell’Università degli Studi di Salerno. Le conclusioni saranno tratte dallo stesso scrittore Scurati che, fra l’altro, è il vincitore del premio Campiello 2005 proprio con il romanzo “Il Sopravvissuto”.
L’evento è organizzato dalla Feltrinelli, dalle Associazioni culturali ASIA e “Società Aperta”.
Lo scrittore Antonio Scurati, nato a Napoli, è docente di Teoria e Tecniche del Linguaggio Televisivo all’Università degli Studi di Bergamo ed ha già pubblicato, diverse opere fra cui il romanzo, Il rumore sordo della battaglia (2002 Premio Fregene e Premio Chianciano) ed i saggi Guerra. Narrazioni e culture nella tradizione occidentale (2003) e Televisioni di guerra (2003), che sono stati tradotti nelle principali lingue europee.

Pasquale Lapadula

Google+
© Riproduzione Riservata