• Google+
  • Commenta
12 dicembre 2005

Trento: “La cooperazione in movimento: tra realtà e teoria”

Accrescere la cultura cooperativa in ambito regionale e potenziare le competenze specifiche delle figure professionali attive nel settore della cooperAccrescere la cultura cooperativa in ambito regionale e potenziare le competenze specifiche delle figure professionali attive nel settore della cooperazione: da questa premessa nasce l’impegno congiunto tra l’Università di Trento, la Cooperazione Trentina e Promocoop Trentina S.p.a. nello stipulare l’accordo di programma volto a promuovere la realizzazione di iniziative di comune interesse che sarà sottoscritto e presentato alla stampa mercoledì 14 dicembre, alle 16.30, presso la sala conferenze della Facoltà di Economia dell’Università di Trento.
L’accordo, diretto a rafforzare il legame tra il mondo cooperativo ed il mondo accademico attraverso l’istituzione di aree di studio connesse al mondo della cooperazione e lo sviluppo di progetti internazionali per le cooperative trentine, sarà sottoscritto dal rettore dell’Università di Trento Davide Bassi, dal presidente della Cooperazione Trentina Diego Schelfi e dal presidente di Promocoop Trentina S.p.a. Bruno Brunet.
In particolare, l’accordo di programma è finalizzato a promuovere l’avvio di attività di ricerca e di percorsi formativi: per la loro realizzazione l’Università di Trento potrà avvalersi dei finanziamenti messi a disposizione dalla Cooperazione Trentina tramite la Promocoop Trentina S.p.a.
A seguito della sottoscrizione dell’accordo di programma sarà presentata la conferenza dal titolo “La cooperazione in movimento: tra realtà e teoria”. Carlo Borzaga, preside della Facoltà di Economia, farà da moderatore alla tavola rotonda cui parteciperanno Giulio Sapelli, docente di Storia economica dell’Università di Milano, Luigino Bruni, docente di Economia politica dell’Università Bicocca di Milano, e Andrea Leonardi, docente di Storia economica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Trento.
I signori giornalisti sono cordialmente invitati

Google+
© Riproduzione Riservata