• Google+
  • Commenta
27 febbraio 2006

Trento: nuovo corso di Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia

70 ore per apprendere 200 caratteri della lingua cinese in 3 mesi: sono questi i numeri del primo corso di Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia70 ore per apprendere 200 caratteri della lingua cinese in 3 mesi: sono questi i numeri del primo corso di Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia sud-orientale dell’Università di Trento, che sarà inaugurato giovedì 2 marzo, alle 12, presso l’aula 7 della Facoltà di Lettere, che ne ha promosso il progetto, alla presenza del preside della Facoltà Fabrizio Cambi e di Carla Locatelli, prorettore con delega al coordinamento delle attività svolte in ambito universitario nei settori inerenti le relazioni internazionali (Nord America, Asia e Oceania).
Il corso di cinese è stato pensato per gli studenti dell’ateneo trentino e per tutti gli interessati ad apprendere le nozioni di base della lingua attraverso la proposta di di esercitazioni e di conversazioni, allo scopo di stimolare la curiosità e l’interesse dei partecipanti. Il programma del corso sarà infatti suddiviso in tre sezioni distinte: un corso di lingua e un corso di cultura – per un totale di 40 ore – tenuto da Giuseppina Merchionne, docente di Lingua e Cultura cinese presso l’Università Cattolica di Milano, e un corso di esercitazioni di fonetica e di conversazione di 30 ore realizzato dal dottor Yi Jiong Gu, che ha diverse esperienze all’attivo nel campo della didattica della lingua cinese nelle scuole superiori del Triveneto e presso l’Università di Milano-Bicocca, la Libera Università di Bolzano, la Scuola Superiore Universitaria per Interpreti e Traduttori di Verona, la C.C.I.A.A. e il CIAL di Trento.
Le lezioni verteranno sull’apprendimento delle strutture essenziali della grammatica cinese attraverso la presentazione di casi reali, nei quali l’allievo dovrà dimostrare di conoscere formule di presentazione e di saluto, brevi presentazioni di sé stesso, della propria famiglia, della professione e del paese di provenienza. Il corso si articolerà, dunque, in una prima parte di introduzione ai suoni della lingua parlata e all’origine dei caratteri, che sarà affiancata da un laboratorio di calligrafia, nel quale verranno presentate e sperimentate – attraverso l’uso del pennello, dell’inchiostro e della carta da riso – le differenti tecniche di scrittura della tradizione cinese. Alle spiegazioni grammaticali faranno seguito periodiche esercitazioni in classe, al fine di verificare il progressivo livello di apprendimento degli allievi, e alcune lezioni dedicate all’esercizio della conversazione, che sarà supportato da materiali integrativi, audiovisivi e cassette da ascoltare in laboratorio.br>

Google+
© Riproduzione Riservata