• Google+
  • Commenta
9 marzo 2006

Catanzaro: inaugurato il Policlinico Universitario nel Campus

Una struttura all’avanguardia: 306 posti letto e apparecchiature mediche avanzate per la diagnostica e la terapia.
Il Rettore Salvatore Venut
Una struttura all’avanguardia: 306 posti letto e apparecchiature mediche avanzate per la diagnostica e la terapia.
Il Rettore Salvatore Venuta: “una realtà che mostra, attraverso la volontà di fare e le modalità di lavoro, un Meridione moderno e competitivo“

Inaugurato questa mattina il Policlinico Universitario Mater Domini nella nuova struttura ospitata all’interno del Campus dell’Università Magna Græcia, in località Germaneto di Catanzaro.
Erano presenti alla cerimonia di apertura il Rettore dell’Università Magna Græcia Salvatore Venuta, il Presidente della Regione Agazio Loiero, l’Assessore regionale alla Salute Doris Lo Moro, il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia Francesco Saverio Costanzo, l’Assessore regionale alla Cultura e all’Istruzione Sandro Principe, il Direttore generale del Policlinico Universitario Anna Rosalba Buttiglieri, il presidente della Fondazione “Tommaso Campanella” Anselmo Torchia.
Subito dopo il taglio del nastro, l’Arcivescovo di Catanzaro-Squillace, Monsignor Antonio Ciliberti, ha benedetto la nuova struttura.
“Apriamo oggi il nuovo Policlinico di Germaneto e iniziamo le attività diagnostiche e terapeutiche in questa nuova struttura, che con i suoi 306 posti letto già disponibili e le sue avanzate tecnologie presenti rappresenta una realtà determinante per l’eccellenza nella cura della salute dei cittadini calabresi.” Queste le prime parole del Rettore Venuta nel suo saluto alle numerose persone intervenute alla cerimonia.
“Quella che oggi inauguriamo – ha proseguito il Rettore Venuta – è una realtà che sarà sempre più l’orgoglio e il vanto di Catanzaro, della Calabria e dell’intero Meridione d’Italia. Una realtà che mostra, attraverso l’idea progettuale, la volontà di fare e le modalità di lavoro, un Meridione moderno e competitivo.
La nuova struttura mette a disposizione dei cittadini e degli studenti: 58mila mq di superficie, con aree di degenza, laboratori e ambulatori, e servizi per i pazienti tra i più moderni e di alta qualità e comfort; un complesso operatorio di oltre 7mila mq che per la qualità delle attrezzature e il disegno logistico rappresenta uno dei pi avanzati nel nostro Paese; una recovery room dedicata alla terapia intensiva post-operatoria; un sofisticato sistema di diagnostica per immagini tra i pi completi; una dotazione di apparecchiature mediche a elevata tecnologia e di arredi per un costo complessivo di 52 milioni di euro; una rete informatica che collega ogni singolo posto letto alla struttura medica, permettendo al medico di avere l’immediata e continua disponiblità dei risultati delle indagini diagnostiche e di tutti i dati del paziente e al paziente di poter comunicare con la propria famiglia e con il proprio lavoro.
Alcune apparecchiature presenti nella struttura: Sistema Pet/Ct per rivelazione precoce dei tumori, verifica dello stadio della malattia e dell’efficacia della terapia, studio di malattie cardiache e cerebrali, Risonanza magnetica nucleare, Tomografia assiale computerizzata a elevati prestazioni diagnostiche, Acceleratore lineare per effettuare ricostruzioni tridimensionali dei volumi da curare(soprattutto in ambito oncologico) in modo da escludere dai campi di irradiazione gli organi sani che non devono essere esposti alle radiazioni, Gamma camere per eseguire indagini planari e dinamiche per lo studio, la diagnostica e la chirurgia dei tumori ma anche per la cardiologia e l’endocrinologia, Sistema RIS/PACS per l’acquisizione di immagini radiologiche digitali con stazioni di refertazioni diagnostiche e cliniche, sistema per l’informatizzazione e l’archivio del servizio di diagnostica per immagini.
Nel Policlinico Universitario lavoreranno 450 tra operatori delle professioni sanitarie e personale tecnico-amministrativo, 130 dirigenti medici e 90 tra docenti e ricercatori universitari.
“Il nuovo Policlinico – ha evidenziato il Rettore Venuta – è stato progettato e realizzato per raggiungere l’eccellenza attraverso l’integrazione, sia architettonica che funzionale, dell’assistenza sanitaria con la ricerca e l’alta formazione.”
Sul progetto scientifico che sta alla base del Policlinico il Rettore Venuta ha proseguito: “questa continua cooperazione tra ricercatori, medici e personale rappresenta la ricchezza di questa struttura. Qui la salute viene studiata con approcci diversi e tra loro complementari, così da dare ai nostri pazienti le risposte più qualificate e complete, attraverso le conoscenze mediche, tecnologiche, biotecnologiche e farmacologiche, fino a utilizzare competenze informatiche, giuridiche, economiche e sociali. Una squadra formidabile di saperi è messa a disposizione dall’Università per assicurare la salute dei cittadini attraverso un progetto che ha come idea fondante l’integrazione dei saperi. È questa l’idea che guida il nostro lavoro all’interno di questo Policlinico; è questa l’idea che caratterizza l’intero Campus di Germaneto, all’interno del quale il Policlinico collocato.”
Infine un invito: “creare una forte sinergia, –ha sottolineato il Rettore Venuta – stabilendo con questa struttura ampie collaborazioni, anche attraverso forme innovative di partenariato, con la certezza che ormai le porte di questa struttura sono aperte. Sono aperte per i nostri giovani e per i nostri pazienti, così come sono e rimarranno sempre aperte alla collaborazione con i nostri colleghi e con le strutture sanitarie di Catanzaro e di tutta la Regione. L’apertura del Policlinico Universitario rappresenta una formidabile occasione per la crescita economica e sociale del territorio. Con esso si apre un luogo dove vengono erogati servizi sanitari di eccellenza al cittadino. Questa condizione di Centro di eccellenza sanitario, unita a quella di Campus universitario, avrà certamente un forte impatto sulla domanda di servizi complessiva, sia da parte dei pazienti sia da parte degli studenti, dei docenti, del personale, dei visitatori.”
“Tutta la popolazione – ha detto il Presidente Loiero – trarrà giovamento da questa apertura. Oggi comincia la nostra nuova storia. Per questo motivo diamo un’importanza strategica a questa struttura, che dà la speranza a tanti malati di poter essere curati qui in Calabria senza dover partire. Dalle risposte che questa struttura saprà dare passa anche il futuro e il progresso della nostra regione”.
Subito dopo sono stati visitati alcuni reparti di degenza con i primi malati, il blocco operatorio e alcune apparecchiature diagnostiche.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy