• Google+
  • Commenta
19 aprile 2006

“Basic Instinct 2”

Ovvero il senso del fascino femminile

E’ davvero inconfutabile che bellezza e sensualità, pur viaggiando parallele, sono due cose estreOvvero il senso del fascino femminile

E’ davvero inconfutabile che bellezza e sensualità, pur viaggiando parallele, sono due cose estremamente differenti!!!
Questa non è una recensione (nel senso stretto del termine) del tanto chiacchierato sequel di Basic Instinct, il film con uno degli “accavallamenti di gambe” più famosi della storia del cinema…
Il mio è solo un pretesto, un semplice escamotage per esprimere il mio parere sul senso stesso del fascino femminile.
Per la recensione della pellicola, vi invito anzi sin d’ora a leggere l’articolo del 03/04/2006 della collega ed amica Valeria Benisatto.
Mi riallaccio al film, giusto per una domanda, rivolta più che mai al lettore di sesso maschile: in una scala da uno a dieci, quanto potere di seduzione possiamo riconoscere alla scrittrice Catherine Tramell, magnificamente impersonata dalla meravigliosa Sharon Stone?
Beh, siamo onesti: non possiamo non riconoscere che la splendida cinquantenne è protagonista indiscussa di ogni più piccolo fotogramma della pellicola, tanto che, anche quando non compare sullo schermo, il profumo dei suoi capelli irrequieti aleggia incontrastato tra gli spettatori.
Ma perchè?
Da cosa scaturisce questo innegabile fascino?
E’ l’incredibile bellezza (probabilmente, ahimè, artificiale) del suo corpo non più giovane, a sedurci tanto, o non è forse la sensualità delle movenze e del tono di voce con cui parla?
Proviamo a rivederla, in tutte quelle scene del film, in cui saremmo disposti a dare qualsiasi cosa pur di ottenere le sue grazie.
La vediamo sfrecciare sulla sua spider, in preda alla voluttà più perversa, mentre si masturba, adoperando il dito medio della sua ultima conquista, del tutto inconsapevole, abbandonato sul sedile dell’auto e già perso tra le nebbie chimiche di un mix di sostanze dai nomi impronunciabili.
La vediamo giocare a fare la preda (solo un “uomo” può crederci…), tra le sordide lenzuola di un bordello dei bassifondi Londinesi: il palestrato pusher di colore ne sovrasta il corpo, abbandonato in quel sudicio giaciglio, con tutta la sua furia animale…
La vediamo morbidamente distesa sul lettino dell’analista, la vediamo passeggiare per le sale della sua dimora barocca ed improbabile, ed ancora la vediamo mentre scivola vulnerabile (almeno in apparenza…) tra i flutti dell’idromassaggio.
Non credo che si possa parlare di bellezza o, per lo meno, non soltanto di bellezza, bensì di sensualità: ciò che ci conquista di Catherine/Sharon non dipende tanto dalle forme, quanto dal loro “movimento”.
Provo a spiegarmi meglio: non sono quelle labbra a renderci schiavi, bensì come vengono abilmente dischiuse; non sono quegli occhi, ma il loro sguardo a penetrare i nostri sogni più libidinosi…
Proprio la differenza che passa tra bellezza e sensualità.
Noi uomini, anche se non ne abbiamo piena consapevolezza, non cerchiamo la bellezza, ma la sensualità.
Ed io per primo.
Non voglio una donna bellissima; non mi serve… non saprei cosa farmene.
Datemi invece, se proprio volete farmi un regalo, il fascino indiscreto della sensualità, che solo una donna riesce veramente ad esprimere, a prescindere dalla lunghezza dei suoi capelli o dal numero dei suoi anni.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy