• Google+
  • Commenta
5 aprile 2006

Madrid: Museo Sorolla

Il Museo Sorolla di Madrid (Paseo General Martínez Campos, n 37) è un eccezionale esempio di casa museo, in quanto non solo conserva quIl Museo Sorolla di Madrid (Paseo General Martínez Campos, n 37) è un eccezionale esempio di casa museo, in quanto non solo conserva quasi intatto l’ambiente originale in cui viveva Joaquín Sorolla Bastida (1863-1923), ma custodisce la più ricca collezione di opere del pittore valenciano.
Il Museo si crea su disposizione testamentaria della vedova di Sorolla, Clotilde García del Castillo, nell’anno 1925. Lo Stato spagnolo accettò la richiesta per Ordine Reale del 28 di Marzo del 1931. Si inaugurò ufficialmente l’11 di Giugno del 1932, essendo il suo primo direttore il figlio di Sorolla, Joaquín Sorolla García, que al morire nel 1948 incrementò la collezione donando tutti i suoi beni alla Fundación Museo Sorolla.
L’attuale edificio del museo fu construito nel 1911, con progetti dell’architetto Enrique María de Repullés y Vargas (1845-1922). Il pittore intervenne direttamente nella sua organizzazione, separando la zona dedicata alla vita della famiglia, composta da un amplio salone, una cucina, la camera matrimoniale e quella dei tre figli, dalla zona di lavoro, composta da tre studi concatenati, e modificando il disegno della facciata.
La collezione fondamentale è composta da pitture e disegni di Joaquín Sorolla Bastida, però come detto il museo mostra anche le collezioni del pittore: alcune sculture, antiche e moderne, mobiliario, gioielli di famiglia, fotografie antiche, ma soprattutto una buona collezione di cerámica spagnola, fondamentalmente valenciana e aragonese. Il giardino è un’altra creazione di Sorolla, che si ispirò ai Reales Alcázares di Sevilla e al Generalife di Granada, con alcuni dettagli italiani. Egli stesso piantò alcuni degli alberi presenti e di questo giardino lasciò numerose rappresentazioni. Il Museo dal 1973 è statale e dipende dal Ministerio de Cultura

Google+
© Riproduzione Riservata