• Google+
  • Commenta
22 maggio 2006

La destinazione del 5 xmille al comune di Mercato S. Severino

Un contributo, a costo zero, per sostenere le attività sociali del Comune di Mercato S. Severino.
Ecco cosa si prefigge la contribuzione del

Un contributo, a costo zero, per sostenere le attività sociali del Comune di Mercato S. Severino.
Ecco cosa si prefigge la contribuzione del cinque per mille, un’opportunità introdotta di recente.

“ Da quest’anno” – spiega il vicesindaco Giovanni Romano –“i cittadini possono sostenere i servizi sociali del Comune di Mercato S. Severino destinando il 5 per mille alle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente. o dispone un articolo della legge finanziaria 2006, che ha introdotto quest’importante novità, favorevolmente accolta dagli enti locali e dai soggetti che, vario titolo, sono stati individuati come beneficiari dalla normativa. nfatti, per la prima volta ed in via sperimentale, i contribuenti potrann – in fase di compilazione delle loro denunce dei redditi destinare il 5 per mille delle trattenute Irpef ad alcuni soggetti, tra cui il Comune di residenza, allo scopo di sostenerne le attività sociali”.

Destinare questo contributo non comporta costi ed è molto semplice; è sufficiente firmare nell’apposito riquadro del modello di dichiarazione dei redditi.

“ E’ data la possibilità al cittadino – dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali Luca Fiorillo – di compiere un atto di generosità a favore dei soggetti più deboli e di contribuire concretamente agli sforzi che il Comune compie nel settore delle politiche sociali, a favore dei piu’ disagiati ed ei meno abbienti. Un gesto che contribuisce a sostenere e a rafforzare i servizi sociali del Comune nell’opera costante di attenzione e di intervento a favore delle categorie a rischio e dei cittadini disagiati”.

“Il Comune – prosegue l’Assessore Fiorillo – utilizzerà i fondi provenienti dal 5 per mille in maniera autonoma, se gli stessi saranno sufficienti, oppure associandosi con altri Comuni per avviare collaborazioni con enti e associazioni che operano nel sociale”.

Google+
© Riproduzione Riservata