• Google+
  • Commenta
25 maggio 2006

Unisa: 60 anni dal Referendum, costituzione e storia italiana tra gli echi del jazz

Il convegno si è tenuto stamattina, giovedì 25 maggio, alle 10:00, nel Teatro di Ateneo, all’interno del Campus di Fisciano. Argomento
Il convegno si è tenuto stamattina, giovedì 25 maggio, alle 10:00, nel Teatro di Ateneo, all’interno del Campus di Fisciano. Argomento di discussione alcuni dei temi fondamentali legati alla Costituzione Italiana ed alla nascita della Repubblica. Durante l’incontro tali tematiche sono state affrontate sia sotto una prospettiva storica che da un punto di vista strettamente giuridico. Il convegno è stato aperto con i saluti del Prof. Raimondo Pasquino, Rettore dell’Università di Salerno e di S.E. Dott. Claudio Meoli, Prefetto di Salerno. Sono intervenuti: il Prof. Giuseppe Di Genio della Facoltà di Giurisprudenza – “La Repubblica delle autonomie”; il Prof. Marco Galdi della Facoltà di Giurisprudenza – “Cosa rimane della Repubblica a 60 anni dal referendum istituzionale”; il Prof. Armando Lamberti della Facoltà di Giurisprudenza – “La sussidiarietà nel processo di riforma costituzionale”; il Prof. Luigi Rossi della Facoltà di Scienze Politiche – ”La Nazione italiana e l’amalgama repubblicano”. A chiudere l’evento un momento musicale in commemorazione del periodo del dopoguerra. Sulle note dell’Orchestra Jazz di Ateneo, si sono rievocati gli anni in cui, a seguito dello sbarco degli alleati a Salerno, canoni e stilemi dei ritmi musicali afro-americani iniziarono a diffondersi nella penisola italiana. L’Orchestra Jazz dell’Università di Salerno è stata diretta dal Maestro Stefano Giuliano.
Per ulteriori informazioni, contattare: grizzo@unisa.it – gdigenio@unisa.it

Google+
© Riproduzione Riservata