• Google+
  • Commenta
27 ottobre 2006

Basket: si progetta il primo campionato della Lub

Quello che fino a poco tempo fa era solo un sogno sta per diventare realtà. Telefonate, fax, mail, convegni e tavole rotonde hanno posto le

Quello che fino a poco tempo fa era solo un sogno sta per diventare realtà. Telefonate, fax, mail, convegni e tavole rotonde hanno posto le basi per far si che, entro l’anno, si dia il fischio d’inizio al primo campionato universitario di basket. Artefice di questo miracolo è Valerio Bianchini, icona della pallacanestro tricolore, allenatore della nazionale e di numerose squadre di club con le quali è stato l’unico ad aver vinto lo scudetto in tre città diverse. Oggi, a 62 anni, allena in Libano i Blue Stars di Beirut ma il suo impegno in Italia, tramite la Lub (Lega Universitaria di Basket) da egli fondata, è più forte che mai.
Non sarà l’Ncaa, non avrà lo stesso richiamo e gli stessi introiti del campionato universitario di basket americano ma questo progetto italiano permetterà finalmente a tutti quei giovani che, tra un canestro ed un libro, vogliono dare il massimo delle loro capacità sia sui parquet di tutta Italia che nelle aule universitarie. Attualmente la Lub continua nella promozione della sua attività di collegamento tra basket e mondo universitario, ribadendo con forza il ruolo che la pallacanestro può avere nella crescita degli studenti che si avviano ad una carriera professionale nel mondo del lavoro.
Oggi, grazie all’autonomia, gli atenei non si occupano più solo di didattica ma anche di servizi ed in particolare di sport. Con l’aiuto delle università stesse, della Federazione italiana di pallacanestro e dei comitati sportivi universitari, il campionato universitario di basket è sulla base di lancio. La Bocconi e la Cattolica di Milano, Tor Vergata, Luiss e Istituto Universitario di Scienze Motorie di Roma, la Liuc di Castellanza, l’Università di Siena, di Teramo e dell’Aquila hanno già dato la propria adesione al campionato. Tra le università del sud, gli unici atenei che fino ad ora hanno fatto dei passi avanti per poter mettere su una squadra sono l’Università di Cassino, quella di Cagliari e quella di Messina. Da segnalare, quindi, il totale disinteresse mostrato dalle università campane le quali, pur avendo nella propria regione un seguito ed un numero di tesserati nei campionati minori di basket elevatissimo, non hanno fino ad ora percepito l’opportunità che una tale iniziativa può dare per far crescere i propri atenei.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy