• Google+
  • Commenta
12 ottobre 2006

Com.On. La comunicazione si accende

Era una fredda serata del Novembre 2005 quando, nel noto locale romano del «Circolo degli artisti», si concludeva il primo festival di SciEra una fredda serata del Novembre 2005 quando, nel noto locale romano del «Circolo degli artisti», si concludeva il primo festival di Scienze della Comunicazione. L’obiettivo degli organizzatori era far emergere l’enorme patrimonio umano della facoltà, tramite la realizzazione di un festival, dove gli studenti avrebbero potuto esprimersi in forma creativa e comunicativa. A cogliere l’invito, fu la cattedra di «Grafica e Disegno Multimediale» della facoltà di «Scienze della Comunicazione» de «la Sapienza» di Roma che coinvolse i ragazzi del proprio corso nel progetto. Partendo dal pay-off «Com.On. La comunicazione si accende», i ragazzi avrebbero dovuto creare un marchio e dargli un’identità riconoscibile. Gli studenti, seguiti dal professor Antonio Romano, dopo una prima fase di lavoro, furono aggregati in quattro gruppi di lavoro, ciascuno composto da 18 persone. All’interno di ogni gruppo, seguito da due tutor, erano presenti sei project manager, sei brand consultant e sei grafici della facoltà di Archittettura «Ludovico Quaroni» di Roma. La fase di realizzazione durò tre mesi e dopo una ricerca rigorosa seguita da un’attenta analisi, diede vita a quattro marchi, pienamente in grado di rappresentare il Festival. A riscuotere maggior successo fu, però, quello del Gruppo 21, scelto dal pubblico esterno e dagli organizzatori, come marchio rappresentativo dell’evento. Ora, un anno dopo la splendida serata al Circolo degli artisti a conclusione della manifestazione, il concorso torna attuale. Gli stessi promotori, la stessa cattedra di «Grafica e Disegno Multimediale», ma studenti e lavoro differenti. Quest’anno i ragazzi, infatti, si sono occupati dell’identità visiva del laboratorio di monitoraggio dei media de «la Sapienza», noto nel campo della comunicazione come «Mediamonitor». Così come lo scorso anno, sarà una giuria a scegliere il lavoro migliore che rappresenterà «Mediamonitor» al festival, organizzato per il prossimo Novembre. Saranno tre giorni di grandi manifestazioni, concentrate nella zona universitaria e suddivise per tematiche. “Com.On” infatti vuole essere un vero e proprio laboratorio permanente che permetta a studenti e professori di lavorare insieme, e che si concretizzi in un evento a cadenza annuale; un’occasione di visibilità e apprendimento per gli universitari, protagonisti non solo delle performance, ma anche dell’apparato organizzativo e promozionale. Anche quest’anno “Com.On” concederà agli studenti l’opportunità di lavorare praticamente sulla comunicazione ed entrare in contatto con il mondo del lavoro. Per cui: «Com.On!, che il Festival della Comunicazione abbia inizio».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy