• Google+
  • Commenta
31 ottobre 2006

Genova: festival della scienza 2006

Il 26 ottobre è iniziata la quarta edizione del Festival della Scienza, che si chiuderà il 7 novembre. Anche quest anno la parola chi
Il 26 ottobre è iniziata la quarta edizione del Festival della Scienza, che si chiuderà il 7 novembre. Anche quest anno la parola chiave del Festival è “scoperta”, una scoperta basata su moltissimi eventi mirati alla conoscenza, all’approfondimento, alla curiosità e, perché no, anche al divertimento, perché la scienza, la conoscenza, la cultura non devono essere per forza noiose.
Il percorso del Festival, passa dalle mostre “hands on”, come le Meraviglie della Scienza 2006, presso la Loggia degli Abati a Palazzo Ducale, in cui si scoprono le migliaia di proprietà dei materiali, da quelli più comuni ai più innovativi, come possono essere ad esempio, gli OLED, i materiali per le lampadine del futuro, realizzata dal CNR – Istituto Nazionale di Fisca della Materia in collaborazione con l’Università di Genova; e come “Raggio di Luce”, presso la Commenda di Prè, realizzata Centro internazionale dell’infanzia “Loris Malaguzzi” di Reggio Emilia, con il contributo di Fondazione Studium Regiense e Società Cooperativa Cormo, e in cui si comprendono i fenomeni generati dall’incontro tra la luce e altri materiali.
Altra mostra con un fascino particolare è “Scienza e coscienza allo specchio”, presso la Sala delle Grida del Palazzo della Borsa, il cui tema centrale è lo specchio, inteso non solo come un tramite, come ad esempio in Lewis Carroll, tra la nostra realtà quotidiana e una misteriosa “altra parte”, ma anche come uno strumento per pensare e comprendere i nodi più affascinanti dell’arte e della scienza contemporanee. Il percorso si snoda infatti attraverso esperimenti scientifici e opere di grandi artisti e fotografi: Kértesz, Pistoletto, Mari, Vigo, Donzelli, Griffiths, De Vecchi e tanti altri. Un dialogo serrato tra arte e scienza che risponde a domande e suggestioni che sono di tutti.
Non poteva mancare uno spazio riservato ai dinosauri, presso il Modulo 7 dei Magazzini del Cotone, in cui sono esposti reperti dinosauriani che rappresentano specie dell’intero arco evolutivo del gruppo, dall’origine triassica all’estinzione cretacea.
Presso lo Spazio Telecom Italia, nel Piazzale delle Feste, al Porto Antico, i visitatori hanno la possibilità di vivere un’esperienza emozionante, lasciandosi guidare lungo un percorso obbligato alla scoperta delle installazioni proposte, accompagnate da una galleria di immagini sulla storia di Superman e un allestimento scenografico totalmente dedicato all’icona dei fumetti, utilizzando tutti gli elementi grafici e visuali a disposizione: fumetti, sketch, video, copertine, foto.
La Fabbrica dei Numeri, presso Palazzo Reale, e Matefitness presso il Sottoporticato di palazzo Ducale conducono i visitatori negli aspetti più insoliti, divertenti, inimmaginabili della matematica.
Come nelle edizioni precedenti, anche quest anno sono presenti tantissimi laboratori che danno la possibilità di indossare in prima persona i panni del ricercatore e avventurarsi alla scoperta delle applicazioni della scienza negli ambiti più insoliti, dalle arte marziali ne “La fisica dei Samurai” presso i Magazzini dell’Abbondanza, ai fornelli ne “La scienza in Cucina” presso la Coop di sestri Ponente, e “A colazione col fotografo” presso la Sala Mostre della Biblioteca Berio, per un incontro tra scienza e arte. E poi, alla scoperta del mondo dei microrganismi che ospitiamo in casa nostra in “Microscopici coinquilini” presso l’Oratorio di S.Giovanni di Prè, e dei segreti più profondi della Terra in “Guarda che crosta” presso i Magazzini dell’Abbondanza.
A conferma dell’importanza ormai raggiunta dal Festival della Scienza è lista degli ospiti che saranno protagonisti del programma di conferenze, tra i quali personalità del panorama scientifico e culturale internazionale come Enrico Bellone, Giovanni Bignami, Torsten Wiesel, Susan Blackmore, Fritjof Capra, Sean Carroll, Gregory Chaitin, Terrence Deacon, Umberto Eco, Artur Ekert, Daniel Kahneman, Michio Kaku, Seth Lloyd, Helga Nowotny, Massimo Piattelli Palmarini, Steven Pinker, Lisa Randall, Giacomo Rizzolatti, Christopher Stringer, Anne Treisman, Theodor Haensch, Robert Trivers, Edouard Brézin, Telmo Pievani, Edoardo Boncinelli, Rita Colwell, Elsa Addessi, Francesco De Martini, Jean Pierre Luminet.
Inoltre, il 7 novembre il Festival della Scienza avrà l’onore di ospitare la Giornata Mondiale per la Scienza e lo Sviluppo dell’Unesco, un’occasione fondamentale per riflettere con grandi esperti di tutto il mondo sul futuro della scienza e della società mondiale.

Google+
© Riproduzione Riservata