• Google+
  • Commenta
27 ottobre 2006

Linux Day a Modena

Il Linux Day celebrato anche a Modena. La facoltà di Ingegneria di Modena dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia ospiter&Il Linux Day celebrato anche a Modena. La facoltà di Ingegneria di Modena dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia ospiterà una serie di conferenze che chiariranno le potenzialità del sofware libero. L’appuntamento sabato 28 ottobre 2006.

Appendice modenese per il Linux Day 2006, che l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia ospiterà sabato 28 ottobre 2006 a partire dalle ore 9.00 alla Facoltà di Ingegneria (via Vignolese 905) a Modena.

Il Linux Day nasce come una manifestazione nazionale promossa da ILS (Italian Linux Society) ed è organizzato localmente dai LUG (Linux User Group) italiani, articolandosi in eventi locali che hanno lo scopo di promuovere Linux e il mondo del software libero.

Durante tutta la giornata saranno organizzate conferenze, laboratori e tante altre attività che cercheranno di avvicinare i partecipanti al mondo di Linux e del Software Open Source per mostrare o permettere l’approfondimento delle conoscenze su una realtà in enorme crescita.

L’occasione è da non perdere per la possibilità di scambio di informazioni, conoscenze, relazioni che gli interessati potranno sfruttare ed instaurare e per l’opportunità di ascoltare veri e propri esperti nel settore parlare delle loro competenze ed esperienze.

“La rilevanza economica del software libero – spiega il prof. Michele Colajanni dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – è ancora ridotta, ma è in fortissima crescita ormai da alcuni anni, e tutto consente di supporre che tale crescita continui nel prossimo futuro, anche grazie ai vantaggi tecnici ed economici del software libero”.

Ad oggi, il software libero è ampiamente diffuso in ambito accademico, industriale e fra gli appassionati di calcolatori, soprattutto grazie ai sistemi GNU/Linux. Questi sistemi liberi sono disponibili a costi molto bassi, ben inferiori a quelli di analoghi sistemi proprietari. Tuttavia, a causa delle loro caratteristiche, il loro uso richiede una buona cultura di base nel campo del software.

Il programma della giornata prevede un primo intervento su la “Storia dell’Open Source che ho insegnato” del prof. Marcello Missiroli autore di , cui seguirà la testimonianza dell’ing. Gianni Vota, Direttore di Sun Microsystems Italia SpA, che parlerà di “SUN e l’Open Source”, mentre l’ultimo contributo del mattino vedrà intervenire l’ing. Alessandro Renna della Category Specialist Novell Italia su “openSUSE: Novell e la community”. I lavori del pomeriggio saranno aperti dagli interventi dell’ing. Alessandro Bulgarelli “Analisi di sistemi compromessi con software Open Source”, dell’ing. Simone Aliprandi di Copyleft Italia, che parlerà di “Licenze per il mondo Open Source: teoria e utilizzo pratico”, e dell’ing. Massimo Fusari su “Sperimentare con l’elettronica e Linux in laboratorio e nella demotica”. Gli ultimi due interventi della giornata saranno affidati a agli ingg. Federico Marani e Riccardo Caselli “@sterisk, VoIP professionale” e agli ingegneri Matteo Generali e Marco Pradelli che si soffermeranno su “Rendere Linux per tutti: interfacce utente e ambienti Desktop”

Google+
© Riproduzione Riservata