• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2006

Parma: inaugurato il parco archeologico di Castelraimondo a Forgaria del Friuli

Il 14 ottobre è stato inaugurato il completamento del Parco Archelogico Culturale di Castelraimondo di Forgaria del Friuli, frutto di dodici anIl 14 ottobre è stato inaugurato il completamento del Parco Archelogico Culturale di Castelraimondo di Forgaria del Friuli, frutto di dodici anni di scavi archeologici didattici, condotti per un lungo periodo dall’Università di Parma sotto la guida della prof.ssa Sara Santoro, nel colle di Castelraimondo, uno straordinario sito archeologico alpino dove fra IV secolo a.C. e XIV d.C. si sono succeduti un villaggio fortificato, una fortezza romana ed un castello medievale.
La cerimonia si è svolta alla presenza delle Autorità della Regione Friuli Venezia Giulia e del Land della Carinzia, partner nel progetto europeo Interreg III Italia Austria che ha reso possibile questa realizzazione. Erano presenti anche gli altri Comuni che partecipano al progetto Interreg “Parchi archeologici lungo la via Julia Augusta: Ovaro, Dellach am Gail e Uttendorf.
In occasione dell’inaugurazione, in un convegno tenutosi nella Sala Consiliare del Municipio di Forgaria, sono state presentate al pubblico le opere ed attività realizzate dai partner del progetto, esperti e amministratori hanno discusso il tema della valorizzazione dei siti archeologici alpini. Inoltre sono stati presentati il materiale divulgativo (depliant, sito internet, mostra biligue) e la pubblicazione scientifica degli scavi 1999-2004, terzo volume dedicato a questo antico sito, esemplare caso di continuità abitativa dall’età preromana al medioevo.
Tutte queste iniziative, divulgative e scientifiche, sono curate dall’Università di Parma in collaborazione con il Comune di Forgaria nell’ambito del Progetto Interreg e con il sostegno della Provincia di Udine. Gli scavi, in concessione all’Università di Parma dal Ministero ai Beni e attività culturali, sono stati finanziati con fondi dell’Ateneo per la didattica.
Le ricerche scientifiche, iniziate dall’Istituto Italiano dei Castelli a seguito di alcune scoperte di appassionati locali, sono state condotte dal 1988 al 1994 dall’Università di Bologna e dal 1999 al 2005 dall’Università di Parma, come scavo didattico internazionale. Dal 1999 vi hanno partecipato oltre duecento allievi, provenienti anche dalle Università di Varsavia e Louvain la Neuve, collegate con programmi Socrates. formandosi all’uso di metodologie interdisciplinari (geoarcheologia, archeometria e archeometallurgia, rilievo, informatica applicata all’archeologia) e delle più avanzate tecniche d’indagine e strumentazioni. Gli studenti hanno svolto qui un’esperienza pratica completa, estesa anche alla valorizzazione e divulgazione, attraverso la realizzazione del Parco Archeologico alla cui progettazione tutti gli allievi sono stati chiamati a partecipare, redigendo testi, curando restauri, seguendo gli aspetti amministrativi e gestionali dello scavo e impostando iniziative didattiche e divulgative.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy