• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2006

Unimore: convegno Giuseppe Luosi

L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia partecipa alle celebrazioni luosiane promosse dall’Archivio Storico del Comune di

L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia partecipa alle celebrazioni luosiane promosse dall’Archivio Storico del Comune di Modena, dei Comuni di Modena e di Mirandola e della Fondazioni Cassa di Risparmio di Modena e di Mirandola. Dopo l’apertura a Mirandola si trasferirà a Modena venerdì 20 ottobre 2006 il convegno internazionale “Giuseppe Luosi. Giurista italiano ed europeo: traduzioni, tradizioni e tradimenti della codificazione”.

Ministro della Giustizia nel Regno d’Italia napoleonico, il contributo del mirandolese Giuseppe Luosi alle scienze giuridiche sarà ricordato e ripercorso attraverso un convegno internazionale, patrocinato dall’Università degli “Giuseppe Luosi. Giurista italiano ed europeo: traduzioni, tradizioni e tradimenti della codificazione”, che si terrà a Modena venerdì 20 ottobre 2006.

L’appuntamento alle ore 9.30 al Teatro del Collegio San Carlo (via San Carlo 5), dove autorità accademiche ed istituzionali porgeranno il proprio saluto ai numerosi e qualificati studiosi italiani e stranieri, chiamati a confrontarsi – a 200 anni dalla sua traduzione ed entrata in vigore in Italia – sul Codice Napoleone.

“Il convegno – precisa il prof. Elio Tavilla, docente di Storia del diritto medievale e moderno all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e Presidente del Comitato scientifico promotore delle celebrazioni luosiane – intende non soltanto approfondire il profilo di un giurista ed uomo di stato che solo di recente ha attratto l’attenzione della storiografia, ma anche avanzare una riflessione aggiornata sulla persistenza (e caducità) del mito della , quale esaustivo strumento regolatore degli interessi e dei valori emergenti nell’Europa della nostra contemporaneità”.

Ad accompagnare i presenti attraverso la rivisitazione dell’opera di questo illustre concittadino, cui si devono la promulgazione del Regolamento organico dell’ordinamento giudiziario e il Codice di procedura penale (1806) e l’elaborazione dei progetti di codice commerciale (1806 – 1808) e di codice penale (1806 – 1809) saranno al mattino, sotto la presidenza del prof. Vito Piergiovanni (Univ. di Genova), il prof. Livio Antonelli (Univ. Statale di Milano) “Luosi e la Milano napoleonica”, il dott. Emanuele Guaraldi (Univ. degli studi di Modena e Reggio Emilia) “Luosi e il Ministero di Giustizia del Regno d’Italia”, il prof. Stefano Solimano ((Univ. Cattolica di Milano – sede di Piacenza) “Le sacre du printemps. L’entrata in vigore del Code Civil nel Regno Italico: allegro ma non troppo”, il prof. Riccardo Ferrante (Univ. di Genova) “La scienza giuridica italiana davanti al codice”. Nel pomeriggio, con il coordinamento del prof. Antonio Padoa Schioppa (Univ. Statale di Milano), interverranno: il prof. Ettore Dezza (Univ. di Pavia) “Una traduzione : il Codice Napoleone e i lavori della commissione Luosi”, il prof. Jean Louis Halperin (Ecole Normale Superieure di Parigi) “De quelques difficultés d’appication des codes napoleoniens dans le departements français d’Italie”, il prof. Carlos Petit (Univ. di Huelva) “Traduccion y tradicion del Code en Espana”, il prof. Pio Caroni (Univ. di Berna) “Il codice civile e quello penale, ossia: fra dialogo e concorrenza” ed il prof. Paolo Cappellini (Univ. di Firenze) “Il codice tra e : problemi e suggestioni”.

La giornata sarà aperta dagli indirizzi di saluto del Rettore dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia prof. Gian Carlo Pellacani, del Preside della Facoltà di Giurisprudenza prof. ssa Alessandra Bignardi, del Direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche prof. ssa Maria Cecilia Fregni, del Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Andrea Landi e del Sindaco di Modena prof. Giorgio Pighi, che svolgerà l’introduzione.

Google+
© Riproduzione Riservata