• Google+
  • Commenta
4 dicembre 2006

I concerti dell’aula magna: Roberto Prosseda

In un periodo estremamente buio per la cultura italiana, che spesso e volentieri manca (ingiustamente) dei meritati riconoscimenti a livello inter

In un periodo estremamente buio per la cultura italiana, che spesso e volentieri manca (ingiustamente) dei meritati riconoscimenti a livello internazionale, ci rinfranca l’esistenza di alcuni artisti, che , come si suol dire, tengono alta la bandiera. Uno di questi è Roberto Prosseda.
Giovanissimo e talentuoso pianista, Prosseda nasce a Latina 31 anni fa. Intraprende i suoi studi sotto la guida di Anna Maria Martinelli e Sergio Cafaro, fino al diploma conseguito al Conservatorio “Respighi” di Latina. Ma sono gli anni di perfezionamento, soprattutto quelli in cui frequenta i Corsi di Sermoneta, che gli permettono di venire a contatto con grandi maestri del calibro di Alexander Lonquich, Dmitri Bashkirov, Charles Rosen. Nel 1998, a soli 23 anni, vince il terzo Premio al 23˚Concorso Casagrande di Terni, più un premio speciale conferitogli dalla giuria per la migliore interpretazione delle musiche di Casagrande. Questo e altri successi conseguiti in vari concorsi internazionali (lo “Schubert” di Dortmund, il “Mozart” di Salisburgo), consentono a Prosseda di intraprendere un’intensa attività concertistica che lo porta a suonare in 40 paesi diversi riscuotendo un grande successo di critica e pubblico. In Italia ha tenuto concerti per La Scala di Milano, l’Accademia Filarmonica Romana, la Fenice di Venezia, il Maggio Musicale Fiorentino e gli Amici della Musica di Firenze, l’Unione Musicale di Torino, il Teatro Comunale di Bologna, il Festival Pontino, l’Associazione Scarlatti di Napoli. Senza contare che è laureato in Lettere (110 e lode) nella nostra università ed è attivissimo come saggista soprattutto in musicologia.
Il debutto discografico come solista avviene nel 2005 per l’etichetta Decca, con l’album “Mendelssohn Discoveries”, raccolta di musiche per piano del compositore tedesco mai incise prima. A maggio è uscito il suo secondo lavoro, “Mendelssohn Rarities”, contenente quattro sonate inedite di Mendelssohn.
All’interno sua tourneé mondiale dedicata al grande maestro teutonico, Prosseda sarà ospite martedì 5 Dicembre alla Sapienza, per un altro evento “congiunto” del Ciclo Calliope e Minerva. Eseguirà musiche, ovviamente, di Mendelssohn (la Fuga in Mi Bemolle Maggiore in prima esecuzione a Roma e e la Sonata in Sol Minore in prima esecuzione assoluta), oltre a pezzi di Bach, Dallapiccola, Fedele. Il concerto inizierà alle ore 20:30.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy