• Google+
  • Commenta
10 dicembre 2006

Il ‘Soweto Gospel Choir’ alla Sapienza

Prosegue all’insegna del grande spettacolo la stagione concertistica dell’Aula Magna: martedì 12 dicembre sarà di scena uno dei simbol
Prosegue all’insegna del grande spettacolo la stagione concertistica dell’Aula Magna: martedì 12 dicembre sarà di scena uno dei simboli della musica gospel contemporanea, il Soweto Gospel Choir. Diretto da David Mulovhedzi, il Soweto Gospel Choir conta 26 componenti provenienti da varie chiese e comunità di Soweto, la grande township creata nell’estrema area sud di Johannesburg dal regime dell’apartheid. Oggi sono 5 milioni le persone che vivono a Soweto, per la maggior parte neri e disoccupati, gente che vive alla giornata, spesso in condizioni materiale e igieniche estremamente precarie. Il Soweto Gospel Choir nasce nel 2002 come progetto musicale, ma la musica è indossolubilmente legata all’impegno umanitario: il coro è ambasciatore internazionale della 46664 Foundation di Nelson Mandela per la lotta al virus dell’HIV, nonché sostenitore della raccolta fondi dei propri enti di beneficienza Nkosi’s Haven e Nkosi’s Haven Vukani. Dalla sua fondazione ad oggi, il Soweto Gospel Choir ha raccolto più di 200000 dollari, ha denaro che ha permesso di aiutare migliaia di orfani dell’AIDS. Il più alto riconoscimento artistico è arrivato nel 2003, quando il coro ha vinto il premio ‘Best Gospel Choir’ agli American Gospel Music Awards e nello stesso anno ha ricevuto la nomination per i South African Music Awards. Quello che il Soweto Gospel Choir esegue è sia un repertorio gospel internazionale sia uno sudafricano tradizionale, utilizzando l’inglese e le lingue indigene; un genere unico nato dalla sintesi delle tradizioni musicali europee bianche e cristiane con il folklore africano. Il coro si esibirà in Italia fino al 17 dicembre; oltre alla serata del 12 alla Sapienza, in calendario concerti anche a Genova, Bergamo, Torino e Brescia. Uno spettacolo di musica estremamente raffinato e suggestivo e allo stesso tempo una serata all’insegna della solidarietà.

Google+
© Riproduzione Riservata