• Google+
  • Commenta
19 dicembre 2006

Italia: Brevetti tra le ultime posizioni in Europa

La nostra nazione sta vivendo un periodo di profonda crisi nell’ambito della ricerca e della innovazione tecnologica.
Le cause di queste difficoLa nostra nazione sta vivendo un periodo di profonda crisi nell’ambito della ricerca e della innovazione tecnologica.
Le cause di queste difficoltà risiedono in molteplici e complessi fattori che comunque sortiscono l’effetto di minare in maniera considerevole lo sviluppo tecnologico del nostro paese.
Ultimamente sono usciti i risultati della produzione dei brevetti nei paesi industrializzati e da questa classifica è uscito il verdetto implacabile secondo il quale noi siamo tra i minori produttori di brevetti al mondo. Lo scadente risultato conseguito dalla nostra nazione ha proposto all’attenzione di tutti la situazione grave in cui versa l’innovazione tecnologica nel nostro paese ed all’esame delle cause che hanno portato a questo risultato deludente.
Opinione comune è che la crisi dei brevetti è direttamente collegata alla crisi dei nostri atenei.
L’università ha un ruolo molto importante ed anzi basilare per la ripresa della innovazione tecnologica e di conseguenza per la ripresa della produzione dei brevetti nella nostra nazione. Tutti sanno che puntando sull’università si potrà aumentare i brevetti. Ma il sistema università non sta vivendo un momento roseo!
Secondo numerosi osservatori una delle motivazioni principali di questo periodo di difficoltà, risiede nel fatto della mancanza di finanziamenti e di conseguenza questa carenza di stanziamenti ha fatto sì che anche le facoltà come ingegneria, abbiano potuto effettuare investimenti sempre minori nel campo della ricerca tecnologica.
Altro problema che attanaglia l’intero pianeta universitario e quindi anche le facoltà tecniche e scientifiche, è l’enorme apparato burocratico, una vera giungla! che riesce ad impantanare anche le migliori intenzioni proposte da persone di buona volontà fortunatamente presenti in tutti i campi del “sapere”.
Ma per far ripartire il processo di riammodernamento tecnologico si deve rimuovere con forza tutte le cause che ne hanno determinato il rallentamento.

Google+
© Riproduzione Riservata