• Google+
  • Commenta
8 gennaio 2007

Scuola Superiore Sant’Anna: illustrato il progetto europeo DustBot

La Scuola Superiore Sant’Anna ha comunicato che nello scorso mese di dicembre si è tenuto, presso il Polo Sant’Anna Valdera di PontLa Scuola Superiore Sant’Anna ha comunicato che nello scorso mese di dicembre si è tenuto, presso il Polo Sant’Anna Valdera di Pontedera, il “kick-off meeting” del progetto europeo DustBot (“Networked and Cooperating Robots for Urban Hygiene”), cofinanziato nell’ambito del Sesto Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico della Commissione Europea. Il progetto, coordinato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa con la partecipazione di nove partner europei (Inghilterra, Italia, Spagna, Svezia, Svizzera) con una marcata presenza di realtà industriali, economiche e scientifiche toscane, si pone l’obbiettivo di realizzare, tramite l’impiego di una rete di piccoli robot autonomi, una nuova piattaforma tecnologica per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti e il miglioramento dell’igiene ambientale nelle città. I robot, assicurano dalla Scuola Superiore Sant’Anna, saranno in grado di eliminare rifiuti e sporcizia in ambienti parzialmente strutturati (come piazze, strade, vicoli, parchi, ecc.) e saranno muniti di sensori per l’analisi di inquinanti atmosferici (per es.: monossidi di azoto e di zolfo, ozono, benzene, ecc.). Saranno, inoltre, in grado di trasportare piccole quantità di rifiuti dall’abitazione degli utenti verso i punti di raccolta predisposti, al di fuori del centro storico. La rete di robot sviluppati sarà installata in cinque diverse città europee: Massa, Pontedera, Peccioli, Bilbao (Spagna) e Örebro (Svezia). DustBot avrà il proprio centro di attività in un nucleo di istituzioni pubbliche e industriali toscane: la Scuola Superiore Sant’Anna, l’Università di Firenze, due imprese spin-off della Scuola Superiore Sant’Anna, RoboTech S.r.l. di Peccioli e Synapsis S.r.l. di Livorno. Il progetto prevede inoltre la partecipazione, a titolo di sperimentatori e potenziali futuri fruitori della tecnologia DustBot, dell’Azienda Speciale Municipalizzata Igiene Urbana (A.S.M.I.U) di Massa, del Comune di Pontedera e del Comune di Peccioli.

Google+
© Riproduzione Riservata