• Google+
  • Commenta
3 febbraio 2007

Alla Sapienza nasce il Personal Coaching

Dopo l’attivazione dello Sportello del Lavoro, la facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza di Roma propone un’altra iniziativa

Dopo l’attivazione dello Sportello del Lavoro, la facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza di Roma propone un’altra iniziativa per facilitare l’inserimento nel mercato del lavoro dei propri laureati. Si tratta di Personal Coaching, un programma di formazione personalizzata per gli studenti che prevedono di conseguire una delle lauree specialistiche della Facoltà entro il 2007.
Il progetto si svolge in collaborazione con la i.c.studium/individual coaching (www.coaching.it), uno Studio professionale che opera per la formazione individuale per i Manager d’Impresa e consiste in una serie di incontri personalizzati tra il professionista e il laureando che desideri prepararsi in maniera mirata ad un inserimento nel mondo del lavoro.
Al centro di ogni colloquio individuale saranno tenute in considerazione da un lato, le caratteristiche, le attitudini e le aspettative della persona e dall’altro invece ciò che il mercato del lavoro richiede. La frequenza dei corsi prevede una domanda di partecipazione, compilando un apposito modulo, da consegnare entro il 12 febbraio 2007.
I costi saranno sostenuti quasi interamente dalla Facoltà e dall’i.c.studium che richiedono al partecipante una quota di 50 euro, a titolo di partecipazione alle spese di gestione. Gli interessati al progetto possono scaricare il modulo direttamente dal sito www.comunicazione.uniroma1.it. Istituita il 7 marzo 2001, la Facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza è la prima in Italia in un ateneo statale e da allora recita un ruolo di protagonista in uno dei settori più nuovi ed importanti del panorama universitario nazionale, stringendo, fin dagli inizi, numerosi rapporti di partnership con istituzioni e imprese del settore. Il progetto Personal Coaching è il frutto di una politica attiva della Università “la Sapienza” tesa a contrastare gli eccessi della precarietà.

Google+
© Riproduzione Riservata