• Google+
  • Commenta
5 febbraio 2007

Il Carnevale a Cesena

“Carnival Party 2007 – Now lose Yourself” è il titolo della festa di Carnevale, organizzata dalle Associazioni studentesche del Polo Scient

“Carnival Party 2007 – Now lose Yourself” è il titolo della festa di Carnevale, organizzata dalle Associazioni studentesche del Polo Scientifico-Didattico della città di Cesena, in collaborazione con la Cooperativa Cyber 2000 e forti del contributo dell’Alma Mater Studiorum (ovvero l’Università di Bologna).
L’appuntamento è fissato per martedì 20 febbraio pv alle 22,30 presso il “Vidia Club”, lo storico locale di matrice “rock-alternativa”, situato al civico 1130 di Via Nazionale San Vittore, in quel di Cesena.
Per tutti coloro i quali non dispongono di un mezzo di locomozione autonomo è stato predisposto un servizio di navetta gratuita, dalle 22 alle 4 di notte (con un’unica pausa dall’1,30 alle 2,30), da Piazzale Karl Marx, ovvero poco distante dalla Stazione delle FF.SS.
Le Associazioni studentesche che anche quest’anno rendono possibile la realizzazione del simpatico evento sono l’ANALYSIS (facoltà di Psicologia, il cui indirizzo email è analysis@psice.unibo.it), l’A.St.I.Ce (facoltà di Ingegneria, il cui indirizzo email è info@astice.org), il MyS.T.A. (facoltà di Scienze degli alimenti, il cui indirizzo email è mysta@foodsci.unibo.it), SPAZI (facoltà di Architettura, il cui indirizzo email è ass_spazi@libero.it) e S.P.R.I.Te (facoltà di Scienze dell’informazione, il cui indirizzo email è sprite@sprite.csr.unibo.it).
Il costo del biglietto è pari a 5 euro (in prevendita) o 7 euro (se acquistato direttamente all’ingresso del locale).
Le consumazioni, costeranno soltanto 2 euro per la birra e 2,50 euro per tutti i miscelati.
Ciò che più di ogni altra cosa ci piace sottolineare è che l’intero incasso utile della serata verrà devoluto in beneficenza a EDUCAID ONLUS, Associazione umanitaria con sede a Rimini, che si occupa di Cooperazione e aiuto internazionale in campo educativo, per partecipare al progetto di promozione dei diritti umani per i bambini lavoratori e di strada, che si trovano a vivere nel difficile territorio della striscia di Gaza.
Come a dire, divertiamoci sì, ma senza mai dimenticarci delle situazioni spesso insostenibili ed inaccettabili in cui si trova ancora troppa gente a questo mondo, e soprattutto cerchiamo di contribuire per quanto possibile alla ricerca di soluzioni!!!
Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’organizzazione al telefono 328 7463893

Google+
© Riproduzione Riservata