• Google+
  • Commenta
13 febbraio 2007

La nube

Ancora novità dalla Cassini, la sonda impegnata a studiare Titano, il più grande satellite di Saturno. Le ultime immagini hanno rivela
Ancora novità dalla Cassini, la sonda impegnata a studiare Titano, il più grande satellite di Saturno. Le ultime immagini hanno rivelato la presenza di una nube estesa quanto la metà degli Stati uniti che copre il polo nord del satellite. La nube è costituita in parte da metano, e quasi certamente produce delle precipitazioni che vanno a riempire i laghi di metano liquido scoperti lo scorso anno dal radar della sonda. Che su Titano ci fosse questo ciclo, basato sul metano invece che sull’acqua come accade qui sulla Terra, era già stato ipotizzato a livello teorico ma mancavano delle conferme osservative. Adesso abbiamo la conferma dell’esistenza di sistemi nuvolosi e diventa più probabile anche la futura osservazione delle precipitazioni di metano liquido. La missione della sonda Cassini ci tocca particolarmente da vicino, in quanto oltre la NASA e l’Agenzia Spaziale Europea coinvolge anche l’INAF –Istituto Nazionale di Astrofisica. le Università di Roma, Padova, L’Aquila, Napoli, Pavia Bari, Lecce.

Google+
© Riproduzione Riservata