• Google+
  • Commenta
27 febbraio 2007

Padova: Hocus Pocus, quando la magia divenne scienza

Dal 1 marzo al 19 maggio si svolge nelle sale del CAM, in via Orto Botanico15, la mostra “Hocus Pocus: erbe, magie e riti nella storia dell’uomo” orgaDal 1 marzo al 19 maggio si svolge nelle sale del CAM, in via Orto Botanico15, la mostra “Hocus Pocus: erbe, magie e riti nella storia dell’uomo” organizzata dalla Biblioteca dell’Orto Botanico e dai musei di Archeologia, Botanico e delle Scienze archeologiche e d’Arte.
La mostra accompagna il visitatore attraverso i secoli e lo introduce all’uso che le diverse culture hanno fatto delle erbe, di chi le conosceva e le manipolava. Un viaggio affascinante sempre in bilico tra magia e cura, tra stregoneria e medicina.
L’esposizione è divisa in due sezioni: la prima, storica, copre il periodo che va dalla Preistoria al 1545, anno di fondazione dell’ Hortus Botanicus Patavinus. Sarà possibile vedere come nel corso del tempo la magia abbia utilizzato erbe, piante e fiori per curare corpo e anima fino a trasformarsi in una vera e propria scienza. Un lasso temporale che parte dall’uomo di Neandertal che poneva nelle tombe fiori ed erbe medicinali per permettere al defunto di riguadagnare la salute nell’aldilà e dall’Uomo di Cro-Magnon che rappresentava i guaritori nelle grotte affrescate fino ad arrivare ai primi “orti” medievali.
Verranno qui esposti reperti come ex voto romani, scopriremo le piante utilizzate nella prima pratica medico- scientifica dei Greci, si potrà vedere una mummia egiziana all’interno del suo sarcofago e conosceremo superstizioni e leggende del Medioevo legate alle erbe, ma anche oggetti delle culture orientali come bardature cinesi e statue di divinità indiane o idoli polinesiani in legno.
Il secondo percorso invece è un viaggio attraverso i continenti dove verranno affrontate le antiche pratiche cinesi e indiane, i riti giapponesi legati ad alcune piante medicinali, fino ad arrivare alla “Ruota di Medicina” dei nativi americani e alla azioni dei guaritori del deserto australiano.
All’interno degli spazi espositivi della mostra, nel contesto della XVII Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica si terranno altre manifestazioni come conferenze di approfondimento e spettacoli di danza.

Google+
© Riproduzione Riservata