• Google+
  • Commenta
26 febbraio 2007

Università “Bocconi” e VoIP

Uno studio condotto dall’Università Bocconi, in collaborazione con Italtel e Cisco, ha rivelato che il VoIP (la Voice over Internet Protocol) &Uno studio condotto dall’Università Bocconi, in collaborazione con Italtel e Cisco, ha rivelato che il VoIP (la Voice over Internet Protocol) è presente ormai in oltre il 60% delle imprese italiane. Ed è in piena fase di espansione nel sistema economico con il 16,8% delle imprese con più di 10 addetti. L’indagine ha riguardato tramite un’indagine che ha coinvolto 1.360 imprese appartenenti ad un’ampia gamma di settori che vanno dal commercio alla finanza all’industria, per ricomprendere anche la PA, la sanità e i servizi. Ad aprire la strada sono state le grandi imprese. Nel 2003 il 20% delle imprese con più di 500 addetti avevano deciso di avviare progetti di introduzione mentre le imprese di minori dimensioni erano inferiori al 10%. Per queste ultime la volontà di introdurre sistemi VoIP si è invece manifestata negli anni 2004 e 2006. Spinto dall’interesse verso servizi e modelli di business innovativi resi possibili dal VoIP, due terzi del campione, il 64%, è qualificabile come potenziale adottante mentre il 19% dichiara di non conoscerlo. Ferdinando Pennaiola, docente di Sistemi informativi e organizzazione aziendale alla Bocconi e coordinatore della ricerca, spiega che in Italia siamo all’alba della rivoluzione nel settore delle telecomunicazioni e la ricerca a mostra che c’è un certo attendismo in merito a queste innovazioni. Ma, giura il professore che è solo questione di poco tempo in più e i sistemi VoIP saranno un giorno adottati da tutte le utenze. La ricerca illustra come gli adottanti siano principalmente imprese di grandi dimensioni. Il 30% delle imprese con più di 500 addetti, infatti, presentano un sistema VoIP già attivo a pieno regime. Mentre le imprese che non conoscono i sistemi VoIP sono concentrate nella fascia tra i 10 e i 49 addetti. I fattori che fanno propendere le imprese ad adottare questo tipo di tecnologia sono: il miglioramento dei servizi (63% delle imprese), l’incremento della qualità della comunicazione (52%) la riduzione dei costi (50%). Il 50% delle imprese adottanti ha dichiarato che intende sostituire totalmente il sistema di telefonia tradizionale. La creazione di una piattaforma IP su cui far confluire ed integrare tutte le comunicazione di un’azienda- dalla voce, al video, ai dati, alla mobility – è un investimento strategico sui cui basare nuovi modelli organizzativi che garantiscano maggiore capacità di adattarsi a cambiamenti repentini. Si tratta di un passo obbligato in un contesto competitivo che impone alle aziende di agire con velocità e dinamicità.
Questo studio rappresenta solo una fase di una ricerca che proseguirà nel 2007 per conoscere la accettazione del sistema da parte delle aziende e una ancora successiva sul comportamento degli utenti nel 2008.

Google+
© Riproduzione Riservata