• Google+
  • Commenta
20 febbraio 2007

Università di Padova: alta tecnologia

Si è tenuto il 2 di questo mese un convegno dal titolo “Innovazione e imprese ad alta tecnologia” organizzato dal Dipartimento di Innovazio

Si è tenuto il 2 di questo mese un convegno dal titolo “Innovazione e imprese ad alta tecnologia” organizzato dal Dipartimento di Innovazione Meccanica e Gestionale (DIMEG) dell’Università degli Studi di Padova. L’innovazione è essenziale per le imprese e per la concorrenza nei nuovi mercati, non solo nei settori ad alta intensità di conoscenza, ma anche per l’innovazione in quelli tradizionali. La scarsa propensione ad investire in ricerca e sviluppo, il ridotto numero di brevetti depositati e una bassa percentuale di prodotti di esportazione high tech sono un indice inequivocabile di come l’Italia si trovi in forte ritardo nei settori strategici della ricerca e dell’innovazione. Questo però non vuol dire che non ci siano piccole e medie imprese che riescono ad avere un alto tasso di innovazione nel campo della chimica micro ed optoelettronica, tecnologie biomediche e biotecnologiche. Il convegno ha affrontato i problemi legati alla ricerca e allo sviluppo tecnologico e i motivi della scarsa capacità di impresa che in Italia non permette di avere forti investimenti. Si è parlato anche del fatto che nel nostro Paese ci siano così pochi laureati nelle discipline scientifiche ed ingegneristiche. Hanno partecipato non solo il Rettore Vincenzo Milanesi ma anche Moreno Muffato, docente del DIMEG e direttore del Master in Gestione dell’innovazione e Project Management, Luca De Biase, il Sole 24 Ore, Ezio Andreta, Agenzia per la Promozione della ricerca europea, Fabio Gava, Assessore Regione Veneto, Giovanni Marchesini, docente dell’Università di Padova, Luigi Rossi Luciani, Presidente di Veneto Nanotech, e Mario Carraro, imprenditore. Una così variegata rappresentazione di quello che oggi rappresenta il meglio nel nostro Bel Paese.

Google+
© Riproduzione Riservata