• Google+
  • Commenta
3 marzo 2007

Concorso: “Crea il tuo trailer” per il film “I Viceré” di Faenza

Creare il trailer di un film scaricando i materiali dal suo stesso sito internet. L’idea, nata sui banchi universitari e proposta da due studenti di SCreare il trailer di un film scaricando i materiali dal suo stesso sito internet. L’idea, nata sui banchi universitari e proposta da due studenti di Scienze della Comunicazione della Sapienza, fa già tendenza e a breve potrebbe sedurre i produttori cinematografici italiani. Il primo regista a cogliere la trovata è stato Roberto Faenza, docente di Teorie e Tecniche del Linguaggio Cinematografico che, in collaborazione con Jean Vigo Italia e Rai Cinema, ha lanciato l’iniziativa “Crea il tuo Trailer”, la gara per realizzare il miglior trailer del film “I Viceré”, il suo ultimo lavoro cinematografico che uscirà nelle sale italiane nell’autunno prossimo.
“You trailer” nasce grazie alla trovata di due studenti della facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza, Gabriele Sabatino e Antonella Montesi. A realizzare il sito www.ivicere.it, organizzato come un vero e proprio portale con materiali inediti, curiosità sul cast e numerose informazioni sull’opera di Federico de Roberto, è stato invece Federico Montesi. La giuria che sceglierà i cinque migliori trailer sarà composta dalla Jean Vigo Italia e dagli studenti di “Cinemaster”, il master organizzato dalla facoltà di Scienze della Comunicazione di Roma, in collaborazione con Rai Cinema.
Poco apprezzato dal pubblico ma non per questo sottovalutato dai critici letterari, “I Vicerè”, il romanzo di fine ‘900 scritto da Federico de Roberto, avrà la possibilità, a più di 100 anni dalla sua prima comparsa di poter rivivere nell’ immaginario odierno. Sarà interessante verificare come il trailer, un prodotto dell’innovazione tecnologica, riadattato al cinema ma nato in ambito pubblicitario, sarà in grado di riproporre una chiave di lettura moderna dell’opera, che traccia un mirabile affresco della Sicilia risorgimentale tra il 1850 e il 1882.

Google+
© Riproduzione Riservata