• Google+
  • Commenta
29 marzo 2007

Dottori di ricerca : “se potessero avere mille euro al mese….”

Con una petizione in rete rivolta alla Presidenza del Consiglio e al Ministero dell’Università e della Ricerca, i futuri ricercatori delle nostCon una petizione in rete rivolta alla Presidenza del Consiglio e al Ministero dell’Università e della Ricerca, i futuri ricercatori delle nostre Università chiedono di poter innalzare a mille euro al mese l’entità delle borse di dottorato con cui sono retribuiti. Promotore dell’iniziativa è l’ADI, l’Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani che conta numerosi iscritti nelle varie sedi locali sparse in tutta Italia.
Oggi i giovani ricercatori, che rappresenterebbero gli artefici della tecnologia e dell’innovazione, se sono fortunati nel non ricadere nel dottorato a titolo gratuito consentito dalla legge in vigore, percepiscono circa ottocentocinquanta euro al mese; una somma che se paragonata con le altre nazioni, farebbe scappare (fenomeno c.d. “fuga dei cervelli”) i giovani, in possesso di laurea specialistica all’estero per intraprendere la carriera, sì difficile e lunga del ricercatore, ma sicuramente pagata meglio.
L’ADI chiede sostanzialmente che questa quota si possa raggiungere attraverso fondi messi a disposizione dalle stesse Università, da enti di ricerca, fondazioni e pubbliche amministrazioni, ma anche attraverso la partecipazione attiva del mondo imprenditoriale, che manifesta sempre un bassissimo interesse a sviluppare ricerca e interagire con le università. Il passo certo non si farà, fino a quando le università non smetteranno di utilizzare i giovani ricercatori a titolo gratuito, dai quali non si può pretendere quel totale impegno e quella continuità che caratterizza la ricerca e che deve avere ogni scuola di dottorato. La fuga dei cervelli all’estero non si arginerà fino a quando non ci sarà un interesse privato delle imprese a finanziare con borse di studio il dottorato.
L’attività dell’associazione ha registrato solo nel mese di Marzo circa 500 sottoscrizioni a favore della richiesta, formulate non solo da ricercatori ma anche da studenti laureandi degli atenei italiani.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy