• Google+
  • Commenta
1 marzo 2007

Fedrico II: un laboratorio mobile per i beni culturali

Anche l’Università degli Studi di Napoli Federico II è adesso dotata di un laboratorio mobile: si tratta di quello attrezzato per restauAnche l’Università degli Studi di Napoli Federico II è adesso dotata di un laboratorio mobile: si tratta di quello attrezzato per restaurare in loco antiche opere d’arte. Il laboratorio è in sostanza un camper creato proprio per poter raggiungere agevolmente i luoghi a rischio, ove è più necessaria ed urgente l’azione di restauro ed analisi, ma soprattutto ove sarebbe difficile intervenire altrimenti. Come si suol dire, “se Maometto non va alla montagna, la montagna va a Maometto”, e così restauratori ed esperti potranno evitare la difficile fase del trasporto di beni delicati e fragili, sfruttando strumentazioni mobili all’interno del camper, che, tra l’altro, sarà utilizzabile anche come unità abitativa. Il laboratorio è frutto di un progetto del Centro di Competenza Regionale per lo Sviluppo e il Trasferimento dell’Innovazione applicata ai Beni Culturali e Ambientali “Innova” e si deve, in particolare, all’elaborazione di Claudio Claudi.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy