• Google+
  • Commenta
6 marzo 2007

Firenze : master in medicina verde

Cos’è la medicina verde? E’ quella medicina che utilizza il potere curativo di alcune piante per risolvere i problemi di salute dei pazienti. ECos’è la medicina verde? E’ quella medicina che utilizza il potere curativo di alcune piante per risolvere i problemi di salute dei pazienti. Essa ha origini assai antiche e presso molti popoli è ancora presente. Presso le società più avanzate, tuttavia, aveva perso di importanza, specialmente nel secolo scorso, perché screditata, spesso, dalla medicina moderna. Dopo quindi un secolo di oblio, oggi, la medicina verde, sta tornando nuovamente in auge anche presso le società occidentali. Il metodo terapeutico ‘verde’, a differenza della medicina tradizionale, infatti, tende a scoprire i benefici della natura, senza cercare di alterarla. Sensibile al ritorno dell’ antica arte medica, è l’università di Firenze , la quale ha indetto un master d’avanguardia dedicato alla medicina verde. Il percorso formativo è stato organizzato dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia in collaborazione con il Polo Universitario di Empoli, l’Agenzia per la Formazione e la Asl 11 di Empoli. La fitoterapia sale così a livello di specializzazione medica universitaria.
Il Master è di secondo livello- spiega il prof. Gensini preside della facoltà suddetta – ed è riservato a medici, farmacisti, odontoiatri, veterinari e lauree affini. L’obiettivo è di dare a questi professionisti un’elevata competenza circa l’uso delle piante.
E’ un percorso formativo impegnativo, però indispensabile”.

“Essere specialisti in fitoterapia non significa imparare a prescrivere un farmaco vegetale al posto di uno di sintesi – aggiunge Firenzuoli, responsabile del Centro di Medicina Naturale di Empoli e presidente dell’Associazione Nazionale Medici Fitoterapeuti (Anmfit). – Significa invece conoscere bene le piante medicinali ed i loro preparati, ma significa soprattutto curare i pazienti, dopo aver imparato come e quando utilizzare le piante, come e quando evitarle”.

Google+
© Riproduzione Riservata