• Google+
  • Commenta
13 marzo 2007

Napoli: alla facoltà di Sociologia il seminario “ Censura e autocensura ”

Le floride attese che avevano accompagnato le settimane precedenti alla prima giornata del seminario intitolato “ Censura e autocensura. Arte, culturaLe floride attese che avevano accompagnato le settimane precedenti alla prima giornata del seminario intitolato “ Censura e autocensura. Arte, cultura, informazione. Momenti del rapporto intellettuali e potere ” non erano infondate. Il primo incontro del ciclo che si è tenuto giovedì scorso nella sede dell’ ex cinema “ Academy Astra ” infatti, ha contato diverse centinaia di studenti al suo seguito. I professori Luigi Caramiello ( Sociologia dell’ arte e della Letteratura ) e Gianfranco Pecchinenda ( Immaginario Collettivo ) della Facoltà di Sociologia dell’ Università Federico II di Napoli, gli organizzatori.
Dopo la doverosa introduzione alle tematiche, da parte del professor Caramiello, sono seguiti i valorosi interventi di alcune neo-laureate, che al contrario della loro giovane età, hanno mostrato, attraverso le loro relazioni, un’ elevata e radicata conoscenza delle questioni afferenti al seminario.
Dunque la censura e l’ autocensura come fuoco della prima e delle successive giornate seminariali. La censura che spesso è stata una caratteristica degli assetti totalitari, dove il potere entra in conflitto con la figura dell’ intellettuale; e l’ autocensura, più visibile nelle democrazie liberali, frutto dell’ appropriazione da parte dell’ individuo di alcuni schemi mentali, che quindi lo vedono censurare se stesso, automaticamente, senza nessun intervento esterno. L’ intellettuale, poi, anch’ esso figura molto importante, ed oggetto d’ analisi dell’ incontro. Chi è l’ intellettuale ci si domanda? Perché, talvolta, la possibilità di una espressione libera, di una comunicazione autonoma, si trova a fare i conti con qualsivoglia forma di azione repressiva? Perché nelle più svariate fasi storiche, si riscontra sempre, in maniera più o meno forte, una pratica censoria da parte delle alte autorità? Questi e tanti altri interrogativi sono stati posti e proposti nella prima giornata del ciclo di incontri, che terminerà giovedì 3 maggio. Agli studenti che prenderanno costantemente parte al seminario, oltre alla notevole opportunità di crescita culturale, saranno riconosciuti tre crediti formativi spendibili nel settore delle attività libere.

Google+
© Riproduzione Riservata