• Google+
  • Commenta
28 marzo 2007

Trento: la scomparsa di Beniamino Andreatta il ricordo dell’Ateneo trentino

Anche l’Università degli Studi di Trento si unisce al cordoglio delle forze politiche e civili dell’intera nazione per la scomparsa di Beni

Anche l’Università degli Studi di Trento si unisce al cordoglio delle forze politiche e civili dell’intera nazione per la scomparsa di Beniamino Andreatta, storico fondatore dell’Ateneo trentino. Il ricordo del politico e professore universitario, scomparso ieri a Bologna, ha aperto la seduta di questa mattina del Senato accademico. Il rettore Davide Bassi, insieme ai presidi delle sette facoltà e ai rappresentanti degli studenti, ha ripercorso la lunga carriera di Andreatta, iniziata come accademico nel 1963 all’Università di Trento (come incaricato esterno per la Facoltà di Sociologia fino al 1967) e ha rimarcato il suo ruolo chiave nel comitato ordinatore dell’Istituto Superiore di Scienze Sociali di Trento, prima cellula che ha dato il via all’esperienza universitaria nella nostra città.
I professori Mario Diani, preside della Facoltà di Sociologia e Sergio Fabbrini, politologo e direttore della Scuola di Studi internazionali dell’Ateneo, saranno presenti a Bologna giovedì prossimo ai funerali di Andreatta in rappresentanza dell’università. Il rettore Davide Bassi non potrà essere presente perché impegnato all’estero nei prossimi giorni nella riunione della Conferenza dei rettori delle università europee.

Google+
© Riproduzione Riservata