• Google+
  • Commenta
22 marzo 2007

Unisa: Campionati Europei “G.T.F.” arriviamo

Manca poco alla partenza dei Nostri atleti Marziali frequentanti l’Università degli Studi di Salerno che parteciperanno al Campionato Europeo dManca poco alla partenza dei Nostri atleti Marziali frequentanti l’Università degli Studi di Salerno che parteciperanno al Campionato Europeo di Taekwon-do G.T.F., l’Arte Marziale Coreana che sta appassionando il mondo.
Le competizioni si terranno in Grecia presso Porto Carras dal 26 Marzo al 2 Aprile del 2007.
Gli atleti stanno lavorando sodo aspettando con tantissimo entusiasmo il momento della partenza.
Citiamo alcuni nomi che ormai sono noti, quali: Antonio Inverso cintura nera 3° Dan Degree e capitano della Nazionale Italiana, Cosimo Baio cintura nera 2° Dan Degree, iscritto al primo anno della Facoltà di Giurisprudenza (Unisa), Francesco Toto anch’egli cintura nera 2° Dan Degree, iscritto alla Facoltà di Farmacia (Unisa), Speranza Elena cintura nera 1° Dan Degree, studentessa iscritta alla Facoltà di Giurisprudenza (Unina), Pasquale Annunziata, anch’egli cintura nera 1° Dan Degree, Cosimo Mingo, il giovane del gruppo divenuto a soli 14 anni cintura nera 1° Dan Degree
Antonio Paradiso, cintura nera 1° Dan Degree e Melania Vaccaro, cintura verde.
Gruppo tenace e solidale questo, che lotterà con i denti per giungere alla tanto aspirata vittoria, quella che regalerà un giorno felice a ragazzi che sacrificano molto per allenarsi arrivando in questo modo a grandi livelli.

Il Taekwon-do si svolgerà con prove di combattimento, ossia una serie di incontri di due atleti per combattimento, che utilizzeranno tecniche di calci e pugni per guadagnare punti che gli permetteranno di vincere così l’incontro. Le tecniche regolari vanno portate al di sopra della cintura, quella che si indossa per differenziare i gradi del singolo atleta e tenere su i pantaloni del doobok (uniforme).

Ci saranno anche prove di “Forme” che sono simulazioni di combattimenti dove gli atleti faranno notare ai giudici di gara le posizioni nella loro correttezza, la precisione dei colpi ed il respiro (si caccia il fiato fuori dai polmoni per mettere maggior potenza nei colpi).

Oltre alle due prove in precedenza enunciate ci sarà una prova dove gli atleti dimostreranno appieno tecnica e forza, la prova di rottura. Questa prova è molto bella ma bisogna avere una certa preparazione tecnica, con un ottimo autocontrollo per superarla. Saranno messe più tavolette da circa 5 cm l’una e la commissione internazionale deciderà la tecnica che l’atleta dovrà utilizzare per rompere il blocco. La tecnica potrà essere di calcio o di pugno, oppure mista, sta a significare una combinazione utilizzando entrambi gli arti.

La bellezza di queste prove in competizioni simili, è senza dubbio la spettacolarità. Calcio in volo con giri a 360°, calci girati da terra, insomma un susseguirsi di emozioni straordinarie sia per coloro i quali assisteranno alla prova facendo il tifo per il loro beniamino, sia per coloro i quali vivranno in primo luogo queste emozioni: gli atleti!

Insomma una gara da vedere per poterla raccontare a chiunque vorrà ascoltarla.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy