• Google+
  • Commenta
9 giugno 2007

Boicottaggio britannico contro gli atenei d’Israele

Le vie apparentemente infinite del conflitto israelo-palestinese passano anche per il mondo universitario. E “boicottaggio” sembra essere la parola d’Le vie apparentemente infinite del conflitto israelo-palestinese passano anche per il mondo universitario. E “boicottaggio” sembra essere la parola d’ordine, se è vero che la Ucu (University and College Union), nata dalla fusione dei sindacati più influenti tra la comunità accademica britannica, ha deciso di boicottare (appunto) gli atenei israeliani, considerati complici silenziosi dell’occupazione ai danni della popolazione palestinese. Risultato: se la mozione presentata al congresso della Ucu venisse poi approvata, potrebbero risentirne tutti gli scambi accademici tra Gran Bretagna e Israele. Si vedrà. E pensare però che in questi giorni una lettera inviata al ministro della Difesa israeliano, Amir Peretz, firmata tra l’altro dai rettori di quattro delle università oggetto del boicottaggio britannico, ha chiesto a gran voce proprio la tutela del diritto allo studio per i giovani palestinesi residenti nella martoriata striscia di Gaza. Qualcuno farà un passo indietro?

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy