• Google+
  • Commenta
21 giugno 2007

Concorsi truccati anche a Napoli

Tra morti di camorra, rifiuti e chi più ne ha più ne metta, non poteva certo mancare la questione dei concorsi truccati, per rendere ancTra morti di camorra, rifiuti e chi più ne ha più ne metta, non poteva certo mancare la questione dei concorsi truccati, per rendere ancora più nero il quadro della città di Napoli. Nell’ ambito di un’ inchiesta sulle presunte irregolarità nello svolgimento dei concorsi per docenti Universitari, è stato scoperto uno scambio di favori tra i “ pezzi da novanta ” della facoltà di Medicina della Seconda Università di Napoli. La procura di Bari, dopo il blitz dei carabinieri, ha disposto l’ acquisizione degli atti che riguardano le indagini sull’ assegnazione delle cattedre. L’ inchiesta vede coinvolti nomi famosi della medicina italiana, che nelle vesti di componenti di commissione, avevano il compito di valutare i titoli degli aspiranti al concorso. Allo stato attuale nessun docente del capoluogo campano è indagato. Solamente due insegnanti napoletani sono stati ascoltati in qualità di persone informate sui fatti. Dopo il sequestro delle documentazioni relative ai concorsi, avvenuto sia nella Seconda Università di Napoli che in altre Università italiane, i due pubblici ministeri che si stanno occupando del caso, potranno far luce sulla delicata questione. Un compito non particolarmente facile per i due esponenti della Procura, quello di chiudere l’ inchiesta. A loro disposizione ci sono anche i nastri che contengono le conversazioni telefoniche avvenute tra i docenti delle Università coinvolte, nel periodo in cui si sono svolti i concorsi.

Google+
© Riproduzione Riservata