• Google+
  • Commenta
29 luglio 2007

Concerto del quartetto “Atlante Sonoro” a Bologna per il Festival della Letteratura Israeliana

Gli studenti bolognesi che, spesso per dovere accademico, rimangono in città per una buona parte dell’estate non hanno di che disperarsi: l

Gli studenti bolognesi che, spesso per dovere accademico, rimangono in città per una buona parte dell’estate non hanno di che disperarsi: l’università propone un’offerta di varie, e numerose, iniziative. Nel settore dello spettacolo si segnala il secondo appuntamento del Festival della Letteratura Israeliana, intitolato “Lo’ ha-kol havalim, Non tutto è vanità”, costituito dal concerto del quartetto di Gabriele Cohen “Atlante Sonoro”, che si terrà il 30 luglio alle 21.30 nel Cortile d’Ercole al Palazzo Poggi, in via Zamboni.
“Il titolo scelto per il Festival Lo’ ha-kol havalim (da una poesia di Natan Alterman che parafrasa Qohelet) vuole appunto indicare come gli scrittori israeliani sia della prima che dell’ultima generazione mantengano un legame molto stretto con le origini e le tradizioni dell’identità ebraica, con un modo del tutto originale di rapportarsi al tempo, di sentirlo evocare nel presente e rifletterlo nel passato.”, si legge nella presentazione del Festival. E infatti, il gruppo di Cohen, con una sapiente miscela di jazz europeo, musica ebraico mediterranea, turca e balcanica si fa l’interprete originale di brani classici della tradizione ebraica.
Il quartetto è composto da Marco Loddo, contrabbasso, Pietro Lussu, pianoforte e Gabriele Cohen, sax soprano, sax tenore e clarinetto.

Google+
© Riproduzione Riservata