• Google+
  • Commenta
1 luglio 2007

Convegno di Italianistica a Trieste

Un convegno internazionale promosso dalla Canadian society for italian studies e dal Dipartimento di Italianistica linguistica comunicazione spe

Un convegno internazionale promosso dalla Canadian society for italian studies e dal Dipartimento di Italianistica linguistica comunicazione spettacolo dell’Università degli Studi di Trieste si svolge a Trieste dal 29 giugno al 3 luglio.
La Canadian society for italian studies, fondata nel 1972, raccoglie l’adesione di quasi duecento soci: docenti universitari soprattutto, ma anche scrittori e altre personalità, con afferenze anche internazionali. L’associazione promuove gli studi di italianistica, da intendere nel più ampio ventaglio delle sue espressioni: non solo la lingua e la letteratura italiana, compresa la produzione (e più in generale la cultura) degli italo-canadesi, ma anche didattica, la storia, la storia dell’arte, il cinema, il fenomeno dell’immigrazione.
Questo di Trieste è il primo incontro che si realizza oltre l’ambito nazionale, abbandonando eccezionalmente il Canada. Perché Trieste? I ponti tra le comunità è tema e filo conduttore del convegno, che si articola in quattro sessioni parallele, con i contributi di più cento studiosi provenienti da Canada, Stati Uniti, Messico e altri Paesi. Trieste è stata ritenuta sede ideale per questo incontro: per la sua letteratura, per la cultura di frontiera, che vi è stata praticata e analizzata. Tra le relazioni presentate si segnala l’intervento di Giorgio Pressburger in seduta plenaria, eloquente già nella definizione del titolo: Si può essere stranieri a Trieste? Nella logica dei ponti tra le comunità si collocano anche le escursioni che porteranno i convegnisti ad Aquileia e a Pola, a contatto con la comunità degli italiani.

Google+
© Riproduzione Riservata