• Google+
  • Commenta
19 luglio 2007

L’ateneo aquilano leader nei progetti di ricerca europei

Dei cinque progetti italiani approvati dall’Unione Europea nell’ambito dei programmi TEMPUS e TACIS, due sono stati presentati dall’Università Dei cinque progetti italiani approvati dall’Unione Europea nell’ambito dei programmi TEMPUS e TACIS, due sono stati presentati dall’Università dell’Aquila: un significativo successo che dimostra la validità scientifica dell’Ateneo aquilano e la sua capacità di proporsi con autorevolezza a livello europeo
I programmi TEMPUS e TACIS sono stati promossi dall’Unione Europea per favorire, rispettivamente, la modernizzazione e l’armonizzazione dei sistemi di istruzione superiore e il consolidamento della democrazia e dello stato di diritto negli Stati partner dell’Europa orientale e dell’Asia centrale.
Nell’ambito di questi programmi, l’Unione Europea ha approvato due progetti che vedono come capofila l’Università dell’Aquila. Il primo progetto, denominato “Reform of ICT Curriculum in Lisbon perpsective”, sviluppato in collaborazione con il Ministero delle Telecomunicazioni Russo, con Università siberiane e tedesche, mira a creare riforme strutturali nel sistema di istruzione superiore russo, soprattutto nel campo dell’Information and Communications Technology.
Il secondo progetto, denominato “Bologna process promotion in Tajikistan through the reorganisation of Internaztional Relations Offices”, mira a formare staff per gli uffici di relazioni internazionali in Tajikistan. Sono partner del progetto il Ministero dell’Educazione di questo paese ed una sua importante Università, nonché le Università di Dresda e di Wroclaw.
“Ai programmi TEMPUS E TACIS – ha dichiarato il rettore prof. Ferdinando di Orio – l’Unione Europea annette grande importanza strategica, dal momento che sono finalizzati al consolidamento dei regimi democratici e all’adeguamento agli standard europei di formazione superiore dei paesi che precedentemente costituivano l’Unione Sovietica o di altri paesi candidati all’adesione all’Unione Europea. Anche per tali ragioni, oltre che per quelle squisitamente scientifiche e formative, è particolarmente significativo il finanziamento dei nostri progetti”.
“Non può non far piacere questo risultato – ha concluso il rettore di Orio – che colloca l’Università dell’Aquila ai vertici in Italia e dimostra la sua capacità di proporsi con autorevolezza e credibilità a livello europeo. Ed è un successo che si deve agli ideatori ed estensori dei progetti, la prof.ssa Anna Tozzi prorettore delegato alle Relazioni Internazionali e rapporti con le Università estere e il Dott. Marco De Luca dell’Ufficio Internazionalizzatone della Ricerca, ai quali va il giusto riconoscimento e il sentito ringraziamento da parte di tutto il nostro Ateneo”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy