• Google+
  • Commenta
3 luglio 2007

Tutti a tavola: assaggiate la zuppa di spinaci dello studente

Sarà che da sempre gli spinaci, grazie al loro alto contenuto di ferro, sono da sempre considerati un cibo che rende più “forti” (ri

Sarà che da sempre gli spinaci, grazie al loro alto contenuto di ferro, sono da sempre considerati un cibo che rende più “forti” (ricordate “Braccio di Ferro”?); sarà che è effettivamente riconosciuta loro una azione favorevole nei confronti del cuore e del pancreas, oltre ad essere un ottimo rimedio contro debolezza ed anemia.
Sarà dunque per queste particolari proprietà benefiche della pianta degli spinaci, che a qualcuno è venuto in mente di inventare una ricetta, dedicata a chi ha effettivamente un gran bisogno di energia, ovvero lo studente.
La ricetta di cui sto parlando, facilmente reperibile sul web, all’interno di vari siti e blog, si chiama per l’appunto la zuppa di spinaci dello studente.
Per realizzare questo piatto, considerando una bella tavolata di sei amici, occorre predisporre dei seguenti ingredienti:
1 tazza di spinaci lessati e strizzati,
15 g di farina,
70 cl di brodo di carne,
10 cl di latte,
1 noce di burro,
6 fette di pancarrè,
sale e pepe quanto basta.
La preparazione è assolutamente alla portata di chiunque: non dovrete certo improvvisarvi grandi chef per ottenere un’ottima zuppa; pertanto, non abbiate paura di cimentarvi.
Mettete a scaldare il burro in una casseruola, a fuoco lentissimo.
Quando il burro sarà del tutto sciolto, aggiungete la farina e diluite il composto con il brodo di carne, mescolandolo con cura per renderlo omogeneo e senza grumi.
Lasciate sul fuoco (sempre mescolando) per circa dieci minuti; dopo di che potrete incorporare gli spinaci, già passati al setaccio.
A questo punto aggiungete il latte e lasciate cuocere ancora per qualche minuto, prima di levare la casseruola dai fornelli; versate quindi la zuppa ancora bollente all’interno di sei piatti fondi.
Per completare la ricetta, andranno preparati preventivamente dei crostini con il pancarrè, avendo cura di dare alle fette la forma delle lettere dell’alfabeto, prima di farle abbrustolire nel forno già caldo.
A chi potrebbe giustamente obiettare che un piatto simile non sia appropriato per la stagione estiva, da poco cominciata, raccomanderò ugualmente di prestare attenzione al mio articolo: se non subito, la zuppa di spinaci dello studente sarà di sicuro una piacevole “compagnia” nelle più fresche serate autunnali.
Buon appetito!

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy