• Google+
  • Commenta
10 settembre 2007

Sul tetto della Puglia

Il libero gruppo universitario “Equi-Amici” di Foggia, formato anche da studenti provenienti da diverse realtà italiane, sta organizzando u

Il libero gruppo universitario “Equi-Amici” di Foggia, formato anche da studenti provenienti da diverse realtà italiane, sta organizzando un trekking di circa trenta chilometri alla scoperta del territorio del sub-Appennino dauno e per valorizzare quello che, purtroppo, alcune dimenticanze politiche lasciano spirare.
L’evento è articolato in tre giorni. Venerdì 23 settembre 2007, nel primo mattino, i trekker partiranno da Foggia per calpestare il vecchio tratturo che porta al Comune di Troia.
Dopo la sosta notturna, all’alba del sabato, sarà la volta dell’antica mulattiera che conduceva, e per qualche pastore ancora oggi, a Castelluccio Valmaggiore e, poi, fino a Monte Cornacchia. Proprio su questa cima, la più alta della Puglia con i suoi 1151m. s.l.m., ci sarà l’incontro con i cavalieri del Circolo Ippico “La Contessa” di Foggia. Infatti, essi partiranno da Foggia il sabato mattina assieme ai “bikers” degli Equi-Amici che hanno scelto di percorrere, invece, un secondo tratturo, Foggia-Biccari, con le mountain-bike. Il bivacco per la notte sarà al vecchio Rifugio di Monte Cornacchia. Tutti gli appassionati o semplici amanti della vita all’aria aperta, sono invitati al campo base per scambiare quattro chiacchiere ed ammirare la fauna e la flora del posto in compagnia dei trekkers, dei cavalieri e dei bikers. E, tempo permettendo, distendersi sul prato ad osservare il cielo ammantato di stelle.
Nel sito internet del Comune di Biccari si parla di questo Rifugio come di un’area sosta accogliente. Dunque, presumendo che il numero delle persone che parteciperanno a questa “spedizione” non sia magro, tutti vorrebbero sia davvero ospitale.
Al riguardo, risale agli inizi di febbraio di quest’anno, una denuncia a mezzo stampa fatta da un lodevole escursionista foggiano, Maurizio Marrese, che durante un monitoraggio floro-faunistico per attività didattiche e di ricerca su Monte Cornacchia, ha constatato e fotografato lo stato di degrado in cui è stata lasciata tale struttura ricettiva. “Miseramente bruciato e danneggiato”, si diceva e, a tutt’oggi, pare che nessuno abbia concretamente fatto qualcosa.
Sarebbero solamente da rifare il tetto con le travi in legno ed eliminare le macerie che sono state lasciate a marcire sotto le intemperie. Basterebbe niente di più che un misero dispendio di soldi della Cosa Publica per il bene di un territorio che è di tutti. In queste condizioni, invece, anche la più salda struttura in pietra, con gli anni, può malauguratamente cadere con l’azione costante degli agenti atmosferici. Specialmente su Monte Cornacchia, poi, il vento, il freddo e la neve non perdonano. Vengono spese ricchezze per cose che, magari, il popolo non vuole e, poi, ci si trova a combattere contro la stoltezza di persone che pensano al proprio presente e non al futuro dei propri figli.
Dunque, in questi ultimi sette mesi, o il sito del Comune non è stato aggiornato dopo i disastrosi eventi oppure gli escursionisti, prossimi ad una visita, avranno davanti ai propri occhi una struttura rinvigorita dai lavori da poco terminati.
Bando alle ciance, fino ad oggi le temperature permettono di passare una notte all’addiaccio ma, in inverno, qualche sventurato trekker potrebbe non portare l’attrezzatura adatta per una notte fuori perché sicuro di trovare, seguendo i consigli di un sito istituzionale, un tetto ed una protezione.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy