• Google+
  • Commenta
17 settembre 2007

Truffe, raccomandazioni e numero chiuso: Università in caduta libera

Sembra quasi il titolo di un film. Di tipo drammatico, ovviamente. La vicenda di questi giorni, riguardante i test truccati nelle facoltà a n
Sembra quasi il titolo di un film. Di tipo drammatico, ovviamente. La vicenda di questi giorni, riguardante i test truccati nelle facoltà a numero chiuso, è un qualcosa di estremamente scandaloso che ha danneggiato il sistema universitario italiano. Quasi irreparabilmente. Ma a soffrire sono soprattutto quelle migliaia di studenti che, rincorrendo i propri sogni, durante questi anni si sono trovati fuori “dai giochi”. Sì, perché oramai l’ammissione ai test per molti è divenuta un gioco. La serietà nelle modalità di accesso ai corsi di laurea a numero chiuso non esiste più. Gente che entra con le buste aperte e i fogli dei test già compilati. Cellulari e dispositivi elettronici nascosti negli slip. Persone che chiedono 40 mila euro in cambio dell’ammissione e cosa ancora più grave è che esistono persone disposte a pagare quelle somme, senza un minimo di denuncia. L’Università è in caduta libera e non si intravede nessuno spiraglio di ripresa. E’ necessario un cambiamento radicale. Bisogna rifare tutto. Il numero chiuso all’inizio sembrava essere un buon metodo per regolare “l’inutile” affollamento negli atenei italiani. Purtroppo si è rivelato più chiuso del previsto. Tanto da lasciar fuori ragazzi veramente capaci che, sognando da piccoli quella professione (medico, infermiere, fisioterapista o architetto che sia), avrebbero potuto esercitarla ad altissimi livelli, tutto a vantaggio nostro e del Paese intero. La selezione degli studenti deve avvenire nel corso degli studi e non con test di ammissione. Ma all’Italia ciò non interessa. Ci sono cose più importanti in ballo come raccomandazioni, tangenti e via discorrendo. Non si pensa quasi più al futuro. E poi ci lamentiamo che la crescita è bloccata e il PIL è aumentato. Chissà perché!

Google+
© Riproduzione Riservata