• Google+
  • Commenta
16 ottobre 2007

Alloggi a Parigi? C’ est ne pas possibile

Studenti Universitari intenzionati ad andare in Erasmus a Parigi, rassegnatevi. O se proprio non volete farlo, sappiate che trovare una casa a Par

Studenti Universitari intenzionati ad andare in Erasmus a Parigi, rassegnatevi. O se proprio non volete farlo, sappiate che trovare una casa a Parigi, una camera, uno studio, anche di dimensioni piccolissime, è una vera impresa, quasi impossibile, e ancor più difficile del ritrovamento di un ago in un pagliaio.
La regola numero uno, oltre ad un discreto portafoglio, è avere tanta pazienza e non fermarsi al primo ostacolo. Cercare, cercare, cercare. I prezzi di affitto nella bella Paris fanno venire il capogiro: per un monolocale nel centro della città, intorno ai quindici metri quadrati, si va dai seicento, settecento euro a salire. Per una casa di circa venticinque metri quadri, nei pressi della torre Eiffel, si parla di più di duemila euro mensili. Ma fossero solo i soldi il problema, allora si potrebbe ovviare con una pizza in meno e un lavoretto part-time. Invece no! Non solo gli affitti sono salatissimi, non solo è difficile trovare un “ tetto ” vivibile, ma occorrono “ garantie ”, delle più assurde. Fittare una casa o almeno una “ chambre ” non è come da noi. Occorrono carte, documenti, certificazioni di ogni genere. La burocrazia francese è lentissima ed è capace spesso e volentieri di rallentare più del dovuto faccende semplicissime. Per tentare di “ bloccare ” una casa occorre un lavoro o almeno un conto corrente francese ( peccato che per aprire un conto francese serve il domicilio francese e che per avere il domicilio francese serve un conto corrente francese…assurdo! ) e c’ è bisogno di una persona che viva in Francia che faccia da garante nel caso in cui lo studente non dovesse pagare più l’ affitto. Ma ditemi un po’, salvo casi eccezionali, come è possibile che uno studente che va a studiare in un’ altra nazione, in un’ altra capitale, conosce una persona che gli faccia da garante? C’ est Paris!

Google+
© Riproduzione Riservata