• Google+
  • Commenta
2 ottobre 2007

Ferrara: Come e cosa ricordano gli animali?

La memoria riveste un’importanza fondamentale nel comportamento dei vertebrati. Alcune specie di uccelli sono in grado di memorizzare migliaia d

La memoria riveste un’importanza fondamentale nel comportamento dei vertebrati. Alcune specie di uccelli sono in grado di memorizzare migliaia di ripostigli per l’immagazzinamento del cibo o di ricordare i canti di centinaia di specie diverse appresi durante il volo migratorio. Del significato adattivo di queste straordinarie capacità parlerà giovedì 4 ottobre, alle 17.30, allo IUSS – Ferrara 1391, il Prof. Augusto Foa’, dell’Università di Ferrara, per il terzo appuntamento con il ciclo di conferenze “Dialoghi sulla Memoria” (ingresso libero, ore 17.30, Via Scienze 41/B). Il Prof. Foa’ illustrerà poi l’importanza dell’ippocampo nel meccanismo dell’apprendimento e della memoria di uccelli e mammiferi e in particolare della formazione ippocampale, fondamentale per la memoria spaziale necessaria agli uccelli durante i voli migratori e l’homing.

IL RELATORE

Augusto Foa’ si è laureato in Scienze biologiche all’Università di Pisa nel 1975. Per molti anni ha svolto ricerche sui meccanismi di navigazione degli uccelli, in particolare sul colombo viaggiatore, collaborando a Pisa col Prof. Floriano Papi e in Germania col Dr. H.G. Wallraff presso il Max Planck Institut fuer Verhaltensphysiologie, dove ha soggiornato due anni. Nel 1981 è diventato Ricercatore della Scuola Normale di Pisa. Nel 1985 e 1986 è stato Visiting Scientist all’Institute of Neuroscience, University of Oregon Eugene, USA nel laboratorio del Prof. Michael Menaker, dove ha iniziato i suoi studi sui meccanismi nervosi e ormonali che controllano i ritmi circadiani comportamentali nei vertebrati, in particolare in uccelli e rettili. Dal 1994 è professore ordinario di Zoologia ed Etologia presso la Facoltà di Scienze matematiche, fisiche, naturali dell’Università di Ferrara. Il Prof. Foa’ dirige l’unico gruppo di ricerca che attualmente in Italia si occupa di ricerche di base nel settore della cronobiologia in vertebrati non umani, studiando i meccanismi di regolazione dei ritmi circadiani a livello molecolare, fisiologico e comportamentale. Studi recenti vengono dedicati a ricerche sui meccanismi di orientamento, apprendimento e memoria spaziale nei rettili.

I COLLOQUI DELLO IUSS

Organizzati dall’Istituto di Studi Superiori IUSS – Ferrara 1391, “I Colloqui dello IUSS” sono conferenze dedicate a un tema di ampia rilevanza, che vogliono offrire a tutti i dottorandi e alla città una riflessione scientifica, economica e sociale. Intesi come momento di ampliamento culturale e di aggregazione sociale per i dottorandi, ma anche come un elemento di integrazione fra lo IUSS e la città, i Colloqui sono stati dedicati l’anno scorso al tema quanto mai attuale dell’energia. Spiega il Direttore dello IUSS, Prof. Giovanni Fiorentini: “I giovani che si stanno avviando ad attività di ricerca, in ogni disciplina, devono avere conoscenze del quadro generale e, come tutti i cittadini, consapevolezza di questi temi e problemi”.

Google+
© Riproduzione Riservata