• Google+
  • Commenta
7 ottobre 2007

Venezia: lo IUAV riscopre Vivaldi

Dopo la felice esperienza de “La Didon”e di Cavalli-Busenello del 2006 (preceduta dall’”Attila” di Giuseppe Verdi nel 2004), il corso di laurea spec
Dopo la felice esperienza de “La Didon”e di Cavalli-Busenello del 2006 (preceduta dall’”Attila” di Giuseppe Verdi nel 2004), il corso di laurea specialistica in Scienze e Tecniche del Teatro (Facoltà Design e Arti) dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia prosegue la collaborazione con il Teatro La Fenice concentrandosi quest’anno su due opere musicate da Vivaldi e mai presentate in Italia in epoca moderna, “Ercole sul Termodonte” (dramma per musica in tre atti) e “Bajazet”(tragedia per musica in tre atti). Il momento “pratico”, il “saggio” è un aspetto cruciale del progetto formativo dello IUAV e ha già consentito altre sperimentazioni fruttuose, in collaborazione con teatri come lo Stabile di Roma e di Torino, la Fondazione Teatro Due, il Ballet National di Marsiglia, il Kunstlerhaus Mousonturm di Francoforte e l’Università di Giessen, in Germania. La collaborazione con La Fenice assume perciò un carattere particolarmente complesso, perché non si presenta più come un esperimento “una tantum” che coinvolge un gruppo di studenti ma di un programma organico, destinato a proseguire negli anni. Al centro sta la volontà di riscoprire quel repertorio straordinario e per molti versi dimenticato dell’opera barocca italiana e richiede pertanto analisi e approfondimento. In questa prospettiva è stato costituito un laboratorio “permanente”, impegnato nell’individuazione e nella scelta delle opere da proporre per la messa in scena, la riflessione drammaturgica e musicologica, la progettazione e la realizzazione. Per il dittico vivaldiano la Facoltà di Design e Arti ha selezionato gli studenti che hanno partecipato all’ideazione e alla realizzazione di scene, costumi, luci e regia con il coordinamento dei docenti nel corso dell’anno accademico. Le stesse modalità di produzione dell’opera sono state concepite anche in funzione della specificità del progetto “universitario”: un lavoro preliminare di studio e di discussione sul testo con un piccolo gruppo di giovani laureati e di studenti della facoltà in collaborazione con uno straordinario complesso orchestrale specializzato nel repertorio barocco quale “Europa Galante”, diretto da Fabio Biondi. Il prossimo anno è previsto un nuovo allestimento de “La Didone” per il Teatro alla Scala di Milano (dove verrà rappresentata nel settembre 2008) e una nuova produzione di Cavalli-Faustini (“La Rosinda”), per approdare nel 2009 a un nuovo progetto dedicato a Haendel. Gli appuntamenti con la musica di Vivaldi sono al Teatro Malibran. Ecco il calendario: “Ercole sul Termodonte”, giovedì 4 ottobre ore 19 e sabato 13 ottobre ore 15.30; “Bajazet”, domenica 7 ottobre ore 15.30, venerdì 12 ottobre ore 19.00 e domenica 14 ottobre 2007 ore 15.30.

Google+
© Riproduzione Riservata