• Google+
  • Commenta
13 novembre 2007

Francia: le università protestano contro l’autonomia

Il mondo universitario francese è in stato di agitazione. Gli atenei di Rouen, Tours, Tolosa, Marsiglia, Lille, Rennes e Parigi sono scesi in
Il mondo universitario francese è in stato di agitazione. Gli atenei di Rouen, Tours, Tolosa, Marsiglia, Lille, Rennes e Parigi sono scesi in piazza per protestare contro la legge, approvata il luglio scorso, che prevede maggiori libertà e responsabilità per le università.
Sono 45 gli atei coinvolti, otto dei quali hanno già bloccato tutte le attività didattiche ed amministrative. Fondamentalmente ciò che il mondo universitario contesta è l’eccessivo “potere” affidato ai presidi di facoltà e l’apertura delle aule alle imprese. In questo modo infatti – a detta dei contestatori – l’università entra in un’ottica troppo commerciale. I manifestanti rivendicano inoltre la gratuità dell’insegnamento secondario e chiedono la stabilizzazione del personale precario e la regolarizzazione dei contratti.
Il governo dal canto suo sembra non voler dar ascolto ai manifestanti. Il ministro dell’Università e della ricerca, Valérie Pecresse, ha infatti precisato che: « la legge sull’autonomia è lo zoccolo di una riforma di cinque anni dell’insegnamento superiore che mira a migliorare il funzionamento dell’università».
Intanto si susseguono le manifestazioni e i “contrari” alla legge sull’autonomismo sono già più di tre mila. Alcuni atenei però, come quello di Tolbiac e la Sorbona hanno preferito chiudere per non rischiare di essere influenzati dalle manifestazioni di protesta.

Google+
© Riproduzione Riservata