• Google+
  • Commenta
27 novembre 2007

Un’innovativa ricerca in ambito proteomico pubblicato dalla rivista “Journal of Separation Science”

Un innovativo lavoro di ricerca in ambito proteomico è stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed “Journal of Separation Science”, ottenendonUn innovativo lavoro di ricerca in ambito proteomico è stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed “Journal of Separation Science”, ottenendone la copertina.
Lo studio, che ha per titolo “Gel-free sample preparation for the nanoscacle LC-MS/MS analysis and identification of low-nanogram protein samples”, riporta una nuova ed interessante metodica per l’identificazione di bassi livelli di proteine purificate che porta il limite di sensibilità sull’ordine di 1 nanogrammo.
Il lavoro è stato condotto dai dottori Marco Gaspari, Vittorio Abbonante, e dal Professor Giovanni Cuda.
“Questo approccio di ricerca – ha riferito il Professor Giovanni Cuda, responsabile del laboratorio di Proteomica e Spettrometria di Massa dell’Università Magna Graecia di Catanzaro – ha risvolti importanti in quanto può essere applicato per la caratterizzazione, mediante spettrometria di massa, di proteine scarsamente rappresentate nei liquidi biologici, quali, ad esempio, marcatori precoci di malattie oncologiche o cardiovascolari”.
“Un ulteriore motivo di soddisfazione, accanto al privilegio di ottenere la copertina della rivista– ha evidenziato il Professor Cuda – è rappresentato dal fatto che a tale progetto ha fattivamente partecipato, durante il proprio lavoro di tesi, risultando co-autore della stessa pubblicazione, Vittorio Abbonante, giovane neo-laureato del Corso di Biotecnologie del nostro Ateneo”.
La proteomica è una disciplina molto recente dal punto di vista delle sue applicazioni in ambito medico. Fa riferimento ad un’ampia area di competenze, in cui sono coinvolti medici, biologi, chimici, bioinformatici, fisici, nanotecnologi, farmacologi, genetisti, biotecnologi, richiedendo dunque un approccio di studio multidisciplinare. Essa consiste, infatti, nello studio del proteoma, l’insieme delle proteine presenti in un determinato tessuto, in una cellula, o nei liquidi biologici.
Attraverso lo studio dei tessuti, ma anche del siero e del plasma dei pazienti affetti da patologie neoplastiche o cardiovascolari soprattutto, è quindi possibile identificare quei marcatori precoci, che altro non sono che proteine presenti nel siero, capaci di individuare quando la malattia è ancora gli esordi e, quindi, più aggredibile.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy